In primo piano

Non lasciamoli soli !!!

Insieme a loro difendiamo i diritti dei profughi politici, che sono garantiti dal Diritto Internazionale e impegnano le Nazioni all'accoglienza e all'assistenza.

Insieme a loro chiediamo che non venga calpestata la Dichiarazione universale dei diritti umani che anche il nostro paese ha sottoscritto.

Insieme a loro reclamiamo il diritto alla casa, all'assistenza sanitaria e all'istruzione che è ciò che la Costituzione vuole garantire a tutte e tutti.

Accogliamo chi fugge dalle guerre, dalle oppressioni e dalla fame offrendo servizi e assistenza, condividendo spazi e condizioni di vita.

Lottiamo insieme per una redistribuzione delle risorse che non discrimini e non escluda.

Costruiamo insieme comunità che favoriscano la solidarietà, accettino e favoriscano le differenze e il coinvolgimento di tutte e tutti.

Difendiamo insieme gli spazi occupati dai migranti quando questi garantiscono un'abitazione, servizi e una vita almeno dignitosa.

Denunciamo e combattiamo insieme le discriminazione e le intolleranze. Respingiamo gli attacchi razzisti e favoriamo l'accoglienza diffusa.

Aiutiamoli, se lo desiderano, ad uscire dal nostro paese per raggiungere famigliari, amici e comunità disperse nell'Europa.

Incontriamoci per denunciare:

  •         gli attacchi alle Ong presenti nel Mediterraneo, unica garanzia per i salvataggi umanitari in mare;
  •         le nuove forme di colonialismo, quelle delle multinazionali delle materie prime, delle tecnologie e delle armi;
  •         gli interessi strategici delle Nazioni europee in Africa e in Medio Oriente che favoriscono guerre, conflitti e migrazioni forzate;
  •         le responsabilità italiana nella vendita delle armi in Africa e in Asia che favoriscono guerre e conflitti disastrosi;
  •         la politica del Governo italiano nei confronti della Libia che favorisce: il consolidamento dei "campi di concentramento" per migranti sul territorio libico; il rafforzamento delle bande paramilitari dedite al traffico di migranti; l'instabilità politica in Libia...

Ritroviamoci insieme per resistere, disobbedire e sabotare le politiche del Governo ingiuste e lesive della dignità e dei diritti umani.

Biella, 25/8/2017 - www.lacittadisotto.org


 

 

 

Ero Straniero - L'Umanità che fa bene

La raccolta firme

ogni iniziativa legata alla Giornata mondiale dei Rifugiati a Biella 2017 verrà promossa la Campagna nazionale “Ero straniero – L’umanità che fa bene”. Si tratta di una raccolta firme per un’iniziativa di legge popolare per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.
La legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” propone:
– un’accoglienza diffusa in realtà di piccole dimensioni sul modello Sprar, investendo su integrazione e lavoro;
– regolarizzazione su base individuale degli stranieri integrati, anche nel caso di richiedenti asilo dinieghi, a fronte di un’attività lavorativa o di formazione, di legami famigliari, sul modello spagnolo del “radicamento”;
– canali diversificati di ingresso per lavoro, a partire dall’introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per ricerca occupazione.
In allegato la sintesi delle proposte.

 

WWW.VOLONTARIATOETIOPIA.ORG

 

Per informazioni:  33313974314  e  korrado71@gmail.com

ONLINE - archivio video - i video delle ultime serate di Una Chiesa a Piu' Voci

Ultime notizie

Questione migranti: quanti posti ha l’Italia?

di Furio Colombo | Il Fatto Quotidiano  14 settembre 2017

Caro Furio Colombo,i media attribuiscono al Papa queste parole: “Un governo deve chiedersi: quanti posti ho? Riceverli non basta”. Tutti hanno applaudito. Ma hanno dimenticato i sindaci leghisti che hanno promesso punizioni e tasse e persecuzioni burocratiche a chi ha case libere e le offre. I due eventi non stanno insieme...

Leggi

Radicale dissenso...

 Radicale dissenso di Noi Siamo Chiesa per il nuovo “patrono” dell’esercito italiano: è il pacifista papa Giovanni !!

Oggi il vescovo delle Forze Armate Mons. Santo Marcianò ha consegnato al capo di Stato maggiore dell’esercito italiano Danilo Errico la “bolla pontificia” con cui il Card. Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti, ha  decretato  che papa Giovanni sarà il patrono dell’Esercito italiano...

Leggi

Il pugno di Minniti sui richiedenti asilo

di Francesco Anfossi
Famiglia Cristiana - 24 agosto 2017  

Sugli immigrati ha inaugurato una nuova politica, imponendo un codice per le Ong e dando il via a una campagna di screditamento. Parla di legge e ordine citando Gramsci. Adesso fa manganellare i profughi, donne comprese. Dove vuole arrivare?

Leggi

San Giovanni XXIII patrono dell’Esercito Italiano?

Intervento del Presidente di Pax Christi Italia, Mons. Giovanni Ricchiuti

Ci è giunta notizia che San Giovanni XXIII sarà quanto prima proclamato Patrono dell'Esercito Italiano, avendone fatto parte al tempo della Prima Guerra Mondiale...

Leggi

SIDIKI DOUMBIA

Nel tardo pomeriggio di ferragosto alcuni connazionali africani, immigrati nel biellese nel 2011 e negli anni successivi, stanno giocando a pallone e improvvisamente uno di loro, in un intervallo per il cambio turno dei giocatori, tenendo il pallone in mano si accascia a terra. Per SIDIKI, 32 anni originario del Mali non c'è più nulla da fare, nonostante il pronto intervento del 118 e i tentativi di rianimarlo. Morto per infarto. Lascia la moglie, tre figli e la mamma, familiari e amici che era andato a trovare lo scorso anno. In poco tempo sono arrivati gli amici e i volontari che avevano accompagnato nell'integrazione con l'apprendimento della lingua italiana, con inserimento nel lavoro.... rendendoli autonomi. Nei volti sconvolti, increduli,  gli occhi esprimevano lo sconcerto e allo stesso tempo, senza porferire parola alcuna, il pensiero di tutti andava all'altra tragedia non ancora elaborata:  Babà Tangara 29 anni, pure lui maliano sposato con figlia, muore affogato in una piscina nella tenuta dove da anni lavorava come custode. Si pensava in questi giorni di fare memoria nel giorno anniversario della sua morte il 26 agosto 2016, e ritrovarci per aggiornarci e fare il punto della situazione del corso burocratico del caso non ancora concluso, ma questa misteriosa coincidenza ci farà ritrovare anche per il funerale di Sidiki. In attesa che la famiglia decida e ci comunichi che cosa intende fare della salma, preghiamo per lui,per i parenti tutti, per gli amici e per quanti sono costretti ad attraversare deserti e mari con la speranza di migliorare la loro condizione di vita.    don mario 

Leggi

Grandi Porporati del Novecento

Profili biografici e approfondimenti sulle opere dei presuli Michele Pellegrino, Carlo Maria Martini e Lluís Martínez Sistach

Di Gianfranco Ravasi  Sole24Ore del 6-8-2017 pag.22...

Leggi

A Tripoli con i migranti respinti

A Tripoli con i migranti respinti dall’Europa fra torture, umiliazioni e fame

Violenze dopo il salvataggio in mare, poi il trasferimento nei centri d’accoglienza: «I poliziotti ci portano via tutto. Ma ritenteremo il nostro viaggio»...

Leggi

Fuoco e furia

Oggi, 9 agosto 2017

"Fuoco e furia" minaccia un folle (Trump) ad un altro folle (il dittatore della Corea del Nord), che provoca il provocatore del mondo....

Leggi