FRANCESCO AD ASSISI

05-08-2016 - Notizie

 FRANCESCO AD ASSISI: IL MONDO HA BISOGNO DI PERDONO IL SALUTO AI FRATI DI ASSISI RACCHIUSO IN UNA LETTERA

IL PAPA PELLEGRINO TRA I PELLEGRINI: Offrire la testimonianza della misericordia nel mondo di oggi è un compito a cui nessuno di noi può sottrarsi

Grandissima emozione ad Assisi per l'arrivo di papa Francesco. Un quattro agosto con temperature davvero bollenti ha accolto il Santo Padre che ha raggiunto in auto Santa Maria degli Angeli, dopo aver pregato alla Porziuncola ha parlato durante la celebrazione della santa messa a tutti i fedeli accorsi ad Assisi per vederlo. 

Durante le visita anche un fuori programma, in pieno stile "Papa Francesco": ha confessato 19 fedeli. Al termine ha salutato i frati e si è poi recato, come da programma, nella infermeria del convento. dove attualmente sono ospitati una quindicina di religiosi. 

Papa ad Assisi, un fuori programma, Francesco confessa alcuni fedeli.Fuoriprogramma nella visita di Papa Francesco ad Assisi. Alla fine della meditazione mette la stola viola e entra si reca verso un confessionale per impartire il sacramento della riconciliazione. "Invito i frati, i vescovi ad andare al confessionale, anch'io andrò. Ci farà bene ricevere il perdono qui, oggi, insieme", aveva detto parlando a braccio.

Con queste parole Papa Francesco ha concluso la sua meditazione nella Basilica di Santa Maria degli Angeli ad Assisi. Poi, accompagnato dal prefetto della Casa Pontificia, padre Leonardo Sapienza, Bergoglio ha raggiunto anche lui uno dei confessionali. Papa Francesco ha confessato alcuni ragazzi degli scout scelti a caso. Emozionati si sono fatti confessare, molti di loro piangevano dall'emozione. Papa Francesco si è trattenuto per un'ora in confessionale nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, ad Assisi. Ed ha ascoltato ed assolto ben 19 penitenti tra i quali anche 4 scout e alcune religiose.

  poi saluta l'Imam

 

di Federico Fabrizi

 

ASSISI - Tutto secondo programma? Neanche per idea. Papa Francesco si è fermato nella Basilica di Santa Maria degli Angeli più a lungo del previsto ed ha invitato frati e vescovi ad «andare ai confessionali». Poi ha aggiunto: «Anch'io ci andrò, per essere a disposizione del perdono. Ci farà bene riceverlo oggi, qui, insieme». Al termine, Francesco ha confessato 19 persone, imitato da vescovi e frati. 
Papa Francesco ha regalto strette di mano, carezze, e baci soprattutto ai più piccoli. Mentre avanzava nella basilica ha visto un bambino disabile in braccio al padre che attendeva il suo passaggio, Bergoglio lo ha baciato e accarezzato prima di benedirlo. Il Papa si è trattenuto a lungo all'interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli abbracciando e salutando i frati presenti.
Bergoglio ha incontrato anche l'imam di perugia Abdel Qader, al termine della celebrazione religiosa in occasione del suo pellegrinaggio alla Porziuncola per il Perdono di Assisi. Tra i due c'è stata una stretta di mano e un breve saluto. A presentare l'imam al papa è stato il custode della basilica, padre Rosario Gugliotta. Abdel Qader era stato a Santa Maria degli Angeli con la sua famiglia domenica e ha partecipato alla celebrazione religiosa della visita del Papa. Tra l'imam e il pontefice c'è stato anche un brevissimo colloquio privato.

Atterrato alle 15.30 con qualche minuto di anticipo rispetto al programma, Papa Francesco è stato subito accompagnato alla Basilica di Santa Maria degli Angeli. A bordo di una Golf Tsi blu scura, il pontefice ha velocemente percorso i circa due chilometri che separano il campo sportivo "Migaghelli" di Santa Maria degli Angeli dalla Basilica. Ai lati, la folla dei fedeli in attesa di vederlo passare. Accolto dagli applausi tanto all'atterraggio quanto all'arrivo davanti alla Basilica, Bergoglio ha mostrato grande apprezzamento per l'infiorata dedicata a lui e composta nella notte tra mercoledì e giovedì da 60 infioratori di Spello. Il Papa ha fatto un segno "ok" con la mano, e in molti hanno catturato un «accipicchia» dal suo labiale. I volontari hanno lavorato fino a pochi istanti prima dell'arrivo del Papa, bagnando i petali disposti a terra. Una volta entrato in chiesa, Papa Francesco ha abbracciato bambini e ha salutato la sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Quindi è entrato in Porziuncola con un piccolo mazzo di fiori in mano.

 


Prima di ripartire il Papa ha salutato i frati di Assisi racchiudendo poche, ma sentite parole, in una lettera. A chiudere la missiva la firma "Francesco".  

(Agensir) "Voglio mandarvi tutti in paradiso!". Nella sua meditazione alla Porziuncola, il Papa è partito dalle parole del Santo di cui ha scelto, primo Papa nella storia, di portare il nome: "Cosa poteva chiedere di più bello il Poverello di Assisi, se non il dono della salvezza, della vita eterna con Dio e della gioia senza fine, che Gesù ci ha acquistato con la sua morte e risurrezione?", si è chiesto Francesco a proposito delle parole pronunciate dal Santo proprio qui, davanti al vescovo e al popolo. "Il paradiso, d'altronde, che cos'è se non quel mistero di amore che ci lega per sempre a Dio per contemplarlo senza fine?", ha ricordato il Papa: "La Chiesa da sempre professa questa fede quando dice di credere nella comunione dei santi". "Non siamo mai soli nel vivere la fede", ha assicurato Francesco: "Ci fanno compagnia i santi e i beati, e anche i nostri cari che hanno vissuto con semplicità e gioia la fede e l'hanno testimoniata nella loro vita". "C'è un legame invisibile, ma non per questo meno reale, che ci fa essere un solo corpo, in forza dell'unico Battesimo ricevuto, animati da un solo Spirito", ha ricordato il Papa: "Forse san Francesco, quando chiedeva a Papa Onorio III il dono dell'indulgenza per quanti venivano alla Porziuncola, aveva in mente quelle parole di Gesù ai discepoli: ‘Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: Vado a prepararvi un posto? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi".

(Agensir) "In questo Anno Santo della Misericordia diventa ancora più evidente come la strada del perdono possa davvero rinnovare la Chiesa e il mondo". Lo ha detto il Papa, al termine della meditazione alla Porziuncola, in cui ha fatto notare come il perdono di cui san Francesco si è fato "canale" continua a "generare paradiso". "Offrire la testimonianza della misericordia nel mondo di oggi è un compito a cui nessuno di noi può sottrarsi", il compito assegnato al Papa - ripetendo la frase due volte - nell'anno del Giubileo della Misericordia, legato con un "filo rosso", grazie a questa visita privata di Bergoglio, al primo Giubileo di Francesco, che iniziò quando ottocento anni fa venne concessa da Papa Onorio III il dono dell'indulgenza senza oboli, accessibile cioè anche ai più poveri. "Il mondo ha bisogno di perdono", ha esclamato il Papa: "troppe persone vivono rinchiuse nel rancore e covano odio, perché incapaci di perdono, rovinando la vita propria e altrui piuttosto che trovare la gioia della serenità e della pace. Chiediamo a san Francesco che interceda per noi, perché mai rinunciamo ad essere umili segni di perdono e strumenti di misericordia".

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Il Papa ha chiesto ai fedeli di accompagnarlo con la preghiera domani nel suo pellegrinaggio ad Assisi. "Domani - ha detto il Pontefice nell'udienza generale - mi recherò nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli, alla Porziuncola, in occasione dell'ottavo centenario del 'Perdono di Assisi'. Sarà un pellegrinaggio molto semplice, ma molto significativo in questo Anno della Misericordia. Chiedo a tutti di accompagnarmi con la preghiera".  

La visita di papa Francesco ad Assisi coniuga un evento storico il Giubileo Francescano del Perdono al Giubileo di Papa Francesco. Quella porta senza serrature né maniglie voluta da san Francesco sarà la stessa voluta e varcata dal Papa il 4 agosto. Una visita che ci parla di un cammino quanto mai attuale verso l'inclusione, l'accoglienza, la misericordia. 

Il Santo Padre oltrepasserà la porta che san Francesco otto secoli fa ha aperto a tutti. Ritorneremo a quella notte del 1216 quando Gesù e Maria apparvero al santo di Assisi ponendogli la domanda: "Cosa desideri per la salvezza delle anime". La risposta fu immediata: "Ti prego che tutti coloro che, pentiti e confessati, verranno a visitare questa chiesa, ottengano ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe". 

Il "Perdono di Assisi" e la visita di Papa Francesco ci parlano in un momento drammatico alla luce di una violenza che ci riporta a quelle "crociate" che insanguinavano le nostre città: "Un cuore misericordioso - ha detto il Pontefice - ha il coraggio di lasciare le comodità; un cuore misericordioso sa andare incontro agli altri, riesce ad abbracciare tutti. Un cuore misericordioso sa essere un rifugio per chi non ha mai avuto una casa o l'ha perduta, sa creare un ambiente di casa e di famiglia per chi ha dovuto emigrare, è capace di tenerezza e di compassione. Un cuore misericordioso sa condividere il pane con chi ha fame, un cuore misericordioso si apre per ricevere il profugo e il migrante". Ecco allora che Francesco e Francesco desiderano che il nostro occhio sia accecato dall'amore per l'altro e che i nostri gesti siano animati dalla carità. 

L'arrivo del Papa ad Assisi pone l'accento su tre realtà: la dimensione spirituale, semplicità di gesti ed essenzialità liturgica; la dimensione geografica, per la prima volta un Papa arriva nella città del poverello per la festa del perdono; la dimensione politica, valorizzazione della proposta francescana di semplicità nella Chiesa. Ecco perché la visita ad Assisi non può essere derubricata come un fatto privato, ma porta a riflettere su scenari inediti che indirettamente riformano il modo di pensare della chiesa cristiana.
 
(Padre Enzo Fortunato, direttore rivista san Francesco) 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Celebrata solennemente il 2 agosto, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli in Assisi, la festa del "Perdono" che assume in questo anno un significato particolare, unendo l'VIII centenario dell'indulgenza della Porziuncola, concessa da papa Onorio III a san Francesco, nel 1216, all'Anno Santo straordinario della Misericordia. Ottocento anni di grazia e di misericordia dell'Indulgenza della Porziuncola, che converge verso di essa milioni di pellegrini desiderosi di varcare la "porta della vita eterna" per ritrovare pace e perdono. scaturiti da questa "piccola porzione" di terra divenuta famosa in tutto il mondo e definita la "Porta Santa sempre aperta" in perenne Giubileo di perdono e di grazia.

Il 2 agosto l'VIII centenario è stato aperto solennemente dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Ceu, con la concelebrazione eucaristica nella basilica di Santa Maria degli Angeli, alla presenza di tutti i vescovi dell'Umbria e il vescovo francescano padre Vittorio Viola, il padre generale dei Frati minori e il padre generale dei frati minori conventuali, il custode della Porziuncola padre Rosario Gugliota, quello del Sacro Convento padre Mauro Gambetti insieme ad un centinaio di sacerdoti provenienti da diverse parti d'Italia e migliaia di fedeli che hanno gremito la grande basilica dedicata a Maria.

«E' una giornata che richiama gli uomini e le donne di oggi a riscoprire la gioia del perdono e della riconciliazione con Dio e tra di loro - ha detto il cardinale nell'omelia -. La misericordia è la via che unisce Dio e l'uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre nonostante il limite del nostro peccato».

«La Porziuncola, culla del francescanesimo, è diventata nel tempo centro di un vasto movimento di pietà popolare e parte della storia della Chiesa universale, sempre unita da vincoli di carità al Vescovo di Assisi e al Papa di Roma - ha aggiunto il cardinale -. "Vi voglio mandare tutti in Paradiso", gridò Francesco al popolo qui convenuto, quando il Papa gli accordò l'indulgenza, "senza obolo", cioè senza offerta in denaro, quindi accessibile anche a coloro che non potevano permettersi donazioni o lunghi pellegrinaggi. Come non immaginare, con il pensiero, le folle di pellegrini che lungo otto secoli sono qui venuti, in povertà, con la pena nel cuore e con tanto sacrificio, ma pieni di fede e speranza nell'ottenere da Dio perdono e misericordia, per loro e per i loro defunti. La Porziuncola - ha scritto il vescovo mons. Sorrentino, nella lettera pastorale alla diocesi - è divenuta così "una porta del cielo. Aperta soprattutto per i semplici e i poveri". Avvolto da questo amore smisurato, il cristiano sa di potersi rifugiare in colui che tutto può perdonare, ma avverte anche la necessità di liberarsi dalle scorie del peccato, che deturpano la sua anima. In tale contesto si può comprendere la prassi e il valore dell'indulgenza, come una grazia speciale che ci consente di realizzare fino in fondo la totale guarigione del cuore. Essa si fonda su una grande verità di fede: i meriti di Cristo Signore, della Beata Vergine Maria e di tutti i Santi a cui si uniscono le preghiere e le sofferenze dei giusti di ogni tempo».

Altra ricorrenza legata ad Assisi è il trentesimo anniversario della Giornata Mondiale di Preghiera per la Pace voluta da papa Giovanni Paolo II nel 1986. «L'incontro iniziò proprio qui, dinanzi alla Porziuncola - ha ricordato il cardinale - con i leader di tutte le religioni del mondo che si abbracciarono in segno di rispetto, di pace e di riconciliazione. A distanza di trent'anni, il mondo, purtroppo, non si è ancora pacificato. Oggi a sconvolgere è la follia terroristica che in diversi luoghi è esplosa con gesti di efferata violenza. Uno scontro di civiltà, che da più parti si paventa, sconvolgerebbe l'umanità in maniera imprevedibile e drammatica. Ma non è lo scontro che bisogna rincorrere; quello che bisogna adoperarsi a costruire è la civiltà dell'amore, l'unica - come diceva il beato Paolo VI - capace di garantire a ciascuno i suoi diritti, rispettare ogni credo religioso, favorire una vita degna per tutti».

In conclusione l'invocazione del cardinale alla pace che «salga oggi di nuovo, da questa piccola chiesa della Porziuncola, da questa sacra città di Assisi, perché gli uomini di ogni convinzione religiosa sappiano mostrare al mondo il vero volto di Dio: misericordioso, compassionevole, creatore e padre di tutti gli uomini».

Un pensiero particolare è stato rivolto ai giovani, ricordando l'appena conclusa Gmg di Cracovia e quanto vissuto nelle catechesi e nella preghiera con papa Francesco: «E' stato come ammirare un grande prato ricolmo di fiori appena sbocciati che protendono i loro petali verso la luce del cielo. Davanti a questo bellissimo spettacolo umano non possiamo, non dobbiamo, aver paura del futuro. Papa Francesco ha detto ai giovani: "Non lasciatevi rubare la speranza, perché senza speranza non c'è futuro". Come il giovane Francesco, dopo aver incontrato il lebbroso, i "giovani di Cracovia" hanno capito che non bisogna aver paura della putredine umana, dell'uomo corrotto e degradato dalla vita e dalla violenza: è lui "il prossimo", a cui curare le piaghe. Sotto ogni uomo ferito si nasconde il volto del Signore, che può risplendere solo grazie al nostro amore. Se voi giovani avrete coraggio di "sognare" cambierete il mondo come ha fatto Francesco, che con la misericordia e la fede ha favorito la comunione tra tutti gli uomini di buona volontà, contrapponendo alle trincee della paura i varchi della speranza, della comprensione, dell'amicizia e della fraternità».

Al termine i celebranti hanno raggiunto in processione la Porziuncola, incensata dal cardinale Bassetti che si è poi trattenuto in preghiera nella piccola chiesa, prima della benedizione conclusiva.

------------------------------------------------------------------------------------------------------


E' iniziato ieri il "Perdono di Assisi" con la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal Ministro generale dell'Ordine dei Frati minori, Michael A. Perry. "I mali di oggi - ha esordito - sono gli stessi che esistevano al tempo di san Francesco. Davanti alle rovine e alle minacce odierne la festa del Perdono è un invito urgente ad accogliere la misericordia che può farci superare la paura, la violenza e l'esclusione". E' necessario, come sottolineato dal Ministro generale, dire sì all'amore e alla vita come fecero Maria e san Francesco. Il "Perdono di Assisi" non è una semplice celebrazione, ma coincide con "il dono della Misericordia".

Nel primo pomeriggio alle 14,30 si è svolta la liturgia penitenziale dei Pellegrini d'Abruzzo con Franco Rapacchiale, Ministro provinciale dei Frati minori conventuali d'Abruzzo. Alle 14.45 sulla piazza Porziuncola c'è stato l'arrivo della XXXVI Marcia francescana "Alla porta del cielo" a cui ha fatto seguito la santa messa con Carlo Serri, Ministro provinciale dei Frati minori d'Abruzzo. Alle 17 - 18 celebrazione eucaristica del Perdono di Assisi e della Dedicazione della Basilica a seguire (ore 19) pellegrinaggio della Diocesi di Assisi con partenza dalla piazza di San Francesco.  

Primi Vespri della Solennità: presiede Mons. Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi - Nocera Umbra - Gualdo Tadino. Offerta dell'incenso da parte del sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Alle ore 21.30 Veglia di preghiera e processione aux flambeaux con Mons. Vittorio Viola, vescovo di Tortona.