Le donne e la chiesa

17-10-2018 - Notizie

Le donne e la chiesa

Ha fatto bene Rocca (n. 16/17; www.rooca.cittadella.org) a pubblicare l'articolo di Vittorio Mencucci «Le donne e la chiesa - Radici di una discriminazione», con quelle tristissime citazioni di teologi antichi e ostinazioni recenti. Bisogna far sapere anche a papa Francesco che l'esclusione delle donne dai ministeri ecclesiali (che vanno evangelicamente desacralizzati) ormai è intollerabile: non è solo un offesa alle donne, ma anche un'offesa alla chiesa, a tutto il popolo di Dio, messo fuori tempo, e spesso lasciato privo dell'eucaristia per questa infondata, ignorante e vergognosa ostinazione. O le comunità cristiane istituiranno da sole le donne prete, senza attendere una marmorea fissazione della gerarchia celibataria, o faranno l'eucaristia senza prete, o resteranno senza eucaristia. Vogliono questo il papa e i vescovi? Sappiamo bene che c'è un alto clero «più dottrina che fede», che fa guerra a papa Francesco, e trascina dietro di sé dei fedeli «più devozioni che vangelo», ma preghiamo il papa e i vescovi che, pur nella giusta cautela per salvare l'unità, preparino anche con parole chiare quel passo che la chiesa dice dall'inizio, ma che nella storia non ha saputo compiere: «non esiste uomo o donna, tutti siete una sola persona in Cristo» (Galati 3,28).

Grazie!                                                                                 Enrico Peyretti, Torino

(Rocca 19, 1 ottobre 2018)