LO STRANIERO NELLA BIBBIA EBRAICA

01-07-2019 - Notizie

LO STRANIERO NELLA BIBBIA EBRAICA

 

Le LEGGI per l'orfano, la vedova, lo schiavo e lo straniero, nell'Israele del Primo Testamento:  una Costituzione ancora oggi da prendere come esempio

 

Più volte, nella sua storia, Israele se n'è allontanato, questo avviene ancora oggi con Netanyhau, ugualmente esse rappresentano quanto di più avanzato sia stato mai espresso a livello di legislazioni e quanto di più lontano ci sia dal "prima gli italiani" del 'cattolicissimo' Salvini. Vediamo come e perché, distinguendo tra alcuni temi di grande attualità.

 

RIPOSO EGUALITARIO     Deuteronomio (5,12-15)

12«Osserva il giorno del riposo santificandolo, come il Signore, Iddio tuo, ti ha comandato. 13Lavora sei giorni, e attendi in quelli ad ogni opera; 14ma il settimo giorno è riposo, sacro al Signore, Iddio tuo; non fare nessun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bove, né il tuo asino, né alcuna delle tue bestie, né il tuo forestiero che è in casa tua, affinché il tuo schiavo e la tua schiava possano riposarsi al pari di te. 15Ricordati che tu sei stato schiavo in Egitto e che il Signore, Iddio tuo, ti ha tratto di là con mano potente e con braccio disteso…».

Esodo (20,8-11)

8Ricordati del giorno di riposo, per santificarlo. 9Per sei giorni lavorerai e attenderai alle opere tue, 10ma il giorno settimo è giorno di riposo per il Signore, Iddio tuo; non fare in quello alcun lavoro, né tuo figlio, né tua figlia; né il tuo servo, né la tua serva, o il tuo bestiame, o il forestiero, che è dentro alle tue porte; 11poiché in sei giorni il Signore fece il cielo e la terra e il mare e tutto quello che essi contengono, ma il settimo giorno si riposò….

 

PARITÀ DI SALARIO E DI RETRIBUZIONE Deuteronomio (24,14-15,17,21)

14«Non defraudare il mercenario povero e bisognoso, sia egli uno dei tuoi fratelli o uno dei forestieri, che abitano nel tuo paese, dentro la tua città. 15Pagagli il suo salario, giorno per giorno, e non tramonti il sole senza che tu gliel'abbia dato, perché egli è povero, e ad esso aspira con l'animo suo, affinché egli non gridi contro di te al Signore, e non vi sia in te colpa».

 

PARITÀ DI GIUDIZIO E DIRITTO ALLA SOPRAVVIVENZA Deuteronomio (24,17,21)

17Non violerete il diritto dello straniero, né dell'orfano, e non prenderete in pegno la veste della vedova. 18Ricordati che tu sei stato schiavo in Egitto e che di là ti ha liberato il Signore. Iddio tuo: perciò ti comando di mettere in pratica questo precetto» 19Quando nel tuo podere starai a mietere la tua messe e avrai dimenticato un manipolo nel campo, non tornare indietro a prenderlo, ma lascialo per il forestiero, per l'orfano e per la vedova, affinché il Signore, Iddio tuo, ti benedica in ogni opera delle tue mani. 20Quando bacchierai gli ulivi non ricercare le olive rimaste sui rami, ma lasciale per il forestiero, per l`orfano e per la vedova. 21Quando vendemmierai la tua vigna, non racimolare i grappoli rimasti dietro a te, ma lasciali per il forestiero, per l'orfano e per la vedova…».

 

LA TERRA È DI TUTTI E DIRITTO ALLA CITTADINANZA

Ezechiele (47,21-23)

21Voi vi dividerete questa terra secondo le tribù d`Israele. 22La dividerete tirando a sorte tra voi e gli stranieri, domiciliati nel vostro territorio e che abbiano tra voi generati dei figli. Questi li considererete come aventi la cittadinanza del vostro popolo e con voi tireranno a sorte la loro parte in mezzo alle tribù d`Israele. 23Nella tribù in cui lo straniero è stabilito, in quella gli darete la sua parte. Così ordina il Signore Dio.

 

DIRITTI E MISERICORDIA. LE CITTÀ RIFUGIO  Numeri  (35, 9-15)

9Poi il Signore disse a Mosè: … 11sceglietevi delle città che vi servano di rifugio, nelle quali si possa rifugiare l'omicida, che, per inavvertenza, abbia ucciso qualcuno. 12Queste città vi serviranno di rifugio di fronte al vindice del sangue, affinché l'omicida non muoia, finché non sia comparso in giudizio davanti all'assemblea….15Queste città servano di rifugio tanto per i figli d'Israele, quanto per lo straniero e l'avventizio, che si troverà fra di loro. Vi si rifugerà chiunque avrà ucciso una persona per inavvertenza.  

 

MATRIMONI MISTI E SVILUPPO DELLE SOCIETÀ Geremia (29, 5-7)

(a tutti gli esuli) 5costruitevi delle case e abitatevi, piantate dei giardini e mangiatene il frutto; 6sposatevi, generate figli e figlie, maritate le vostre figliole, affinché abbiano figli e figlie e vi moltiplichiate nel paese ove siete, per non ridurvi a pochi di numero. 7Procurate il bene della città, dove io v'ho fatti deportare e pregate il Signore per essa, perché il bene suo sarà anche vostro.

(da una conversazione con don Franco Barbero, Pinerolo 7 maggio 2019)

 

(a cura di Guido Piovano, Insonnia n. 114, mensile di Racconigi, pag. 6 - giugno 2019 - contatti@insonniaracconigi.it)