Ordinanza contro l'Ebola

20-11-2014 - Notizie

In merito alla " ordinanza contro l'Ebola" del sindaco di Cossato Claudio Corradino, che intende tranqullizzare i Cossatesi perchè nessun migrante infettato dal virus Ebola metterà piedi in città senza certificato medico, non ci sono parole per commentare. Pura propaganda che ha il solo scopo di alimentare la paura e di parlare alla pancia della gente, adducendo subdolamente che non intende discriminare, ma tutelare noi cittadini. Un pò di documentazione in merito a tale virus non ti farebbe male, caro Claudio, così pure vorrei che non dimenticassi i tuoi amici coetanei cossatesi con cui sei cresciuto e che ora lavorano altrove, che vanno e vengono regolarmente dall'estero e verso i quali (a differenza del collega Bonanni, a tuo dir è ben più cattivo) ti vanti di essere buono e permissivo. Leggi attentamente e medita questo Graffito Munich. I veri problemi dei cossatesi oggi (dei giovani, ma anche della tua età o di qualche anno di meno) sono ben altri e ben più gravi e hanno a che fare con il lavoro, la casa, il mutuo, le bollette della luce, del metano. Per molti è ormai disperazione. In una città come Cossato (ma varrebbe per tante città e paesi italiani) evita di cavalcare il falso problema dello straniero e della sicurezza. Guardiamo la realtà con altri occhie e più da vicino. Chi erano e da dove venivano i nostri nonni o genitori, di loro e di noi che cosa si scriveva? Interessante rileggere "Per non dimenticare...sporchi italiani".
don Mario Marchiori, cittadino del mondo come tutti.

PER NON DIMENTICARE (leggi)

----Messaggio originale----
Da: claudio.corradino
Data: 20/11/2014 11.26
A: donmariocossato
Ogg: R: in merito all'ordinanza del sindaco di Cossato
Carissimo Mario, siamo qui a parlare di cose che non esistono, nessuna ordinanza è stata da me firmata (per ora) , riguardo ai problemi di salute o all' immigrazione. Tuttavia, a forza di sentire corbellerie, mi viene proprio voglia di farla .
Sarebbero più efficaci i messaggi di pace solidarietà , ed integrazione se non partissero quasi tutte dal FALSO ED IPOCRITA accostamento con la nostra emigrazione . Non sono situazioni paragonabili , ma purtroppo persino il Santo Padre, essendo di famiglia migrante , assimila le situazioni .
I nostri partivano autonomamente, per cercare lavoro, qui si tratta di NUOVI MERCANTI DI SCHIAVI che organizzano viaggi , facendo oltre ai propri interessi , l' interesse di pseudo organizzazioni umanitarie che incassano fior di quattrini tenendo prigionieri esseri umani nei centri di prima accoglienza , in condizioni pessime, e l interesse del grande capitale, procurando mano d opera a bassissimo costo .
Poi c' è il riflesso sui poveri già presenti qui da noi , che purtroppo hanno il difetto di essere italiani , e non fanno pena a nessuno . Una buona parte dei falsi buonisti sa perfettamente che chi si trova in difficoltà con il proliferare di nuovi ed indiscriminati arrivi non sono i ricchi, o i benestanti , ma i poveri . Un conto è la libertà , a mio avviso sacra ed inviolabile , di ogni persona , ad andare in qualsiasi posto o paese del mondo, (purtroppo non è così) , in maniera autonoma, un conto è rivolgersi ad un paese come l' Italia , e farsi mantenere , farsi venire a prendere , ed avere una casa . Mare nostrum, ipocrisia anche li, giusto e doveroso salvare le vite umane, raccogliere i naufraghi, ma poi si riportano da dove son partiti.
Chiudo con questa riflessione, che riguarda i pochissimi che vengono veramente dalle zone di guerra.
Se nel 1943 i nostri nonni, i nostri padri avessero fatto come questi, fuggire dalla guerra, anziché salire in montagna e dare vita alla Resistenza, pensi che avresti potuto liberamente esporre la tua bella bandiera della pace? o ci sarebbero ancora i fascisti?

Ti sarei grato se mi dicessi dove sta la xenofobia o il razzismo in questo mio ragionamento .

Un caro saluto

Claudio

p.s. qualcuno una volta non disse "il male è nell'occhio di chi guarda "?

Da: donmariocossato
Data: 20-nov-2014 12.20
A:

Tu non hai l'animo cattivo, Claudio, ma ti devi allineare con chi detta la linea e per il ruolo che hai e che ti hanno affidato...se tu dicessi davvero quello che pensi, non saresti più lì. Conosco bene cosa ci sta dietro a chi fugge dalla povertà e dalla miseria. Come pure chi dice di dare lavoro e in realtà tratta come schiavi a basso costo ragazzi di colore (cosa che nessun italiano potrebbe mai accettare). E così pure le tante parole e le mancate promesse e interventi fallimentari di chiunque ci ha governato e ci governa... parole parole parole... Non è facile gestire i complessi problemi legati all'immigrazione, ma dire che gli italiani poveri non sono da noi considerati è fuori luogo. Leggi quest'altro articolo di don Perini e medita, magari estendendolo a chi ha in mente fare dei campi di accoglienza nei paesi d'origine dei profughi. Ad ogni buon conto non è la prima volta che ironizzi sulla bandiera della pace che ho appesa al balcone. Credo meriti rispetto ogni segno dietro al quale ci sono movimenti e persone che davvero credono nella non violenza e nella via del dialogo evitando di importare la democrazia con le bombe e le armi (vedi Iraq per esempio). La xenofobia o il razzismo è ben paludato dietro queste iniziative populiste ( Salvini tanto per fare un nome è maestro in questo, ma non crede neppure lui nelle cose che dice, perché sa che non sono realizzabili. Degli immigrati e dei poveri non gliene frega niente, sta disperatamente cercando consenso e voti per non uscire dal giro). Leggi l'allegato...
Ciao buon proseguimento nel tuo impegno. don mario

PS.
C'è anche un detto: "Non c' è peggior sordo di chi non vuol sentire"

Da: claudio.corradino
Data: 20/11/2014 15.29
A:
Ogg: R: in merito all'ordinanza del sindaco di Cossato
Scusa non volevo offendere , mi spiace e non lo farò più sulla bandiera, ma ho espresso un concetto di cui sono convinto, lo dico anche al 25 aprile, senza il sacrificio di tanti giovani io non avrei avuto la possibilità di essere votato per esempio . Leggerò l'allegato

Saluti