PADRE NOSTRO di Pedro Casaldáliga

05-10-2020 - Preghiere poesie

Lo scorso 8 agosto è morto DOM PEDRO CASALDÁLIGA vescovo emerito della Prelatura di San Félix de Araguaia (Mato Grosso - Brasile) e uomo sempre fedele al Vangelo e alla causa dei poveri. Aveva compiuto 92 anni.
Di lui ricordiamo la lettera pastorale "Una Chiesa nell'Amazzonia in guerra contro il latifondo e l'emarginazione sociale", con la quale fin dal 1971 denunciava crescenti diseguaglianze, accaparramento delle terre e sofferenza della popolazione.
Ha scritto di lui Josè María Castillo: "Era un vescovo senza ornamenti, senza palazzo, senza automobile, che solo una volta è andato a Roma. Perché glielo ha imposto papa Giovanni Paolo II. E si è presentato nella Curia vaticana con un cappello di paglia.
Era un mistico, un poeta, instancabile difensore dei più indifesi che stavano alla sua portata. E a tutto ciò si aggiungeva quella che è probabilmente la cosa più difficile della vita: è stato un uomo con una sorprendente libertà di dire ai ricchi e ai poveri quello che doveva dire loro, perché fossero pienamente umani."

 

PADRE NOSTRO di Pedro Casaldáliga

 

Fratelli nostri che siete nel Primo Mondo:
affinché il suo nome non sia bestemmiato,
affinché venga a noi il suo Regno;
e si faccia la sua Volontà
non solo in cielo ma anche in terra,
rispettate il nostro pane quotidiano
rinunciando voi al vostro sfruttamento quotidiano.
Non intestarditevi a ricevere da noi
il debito che non abbiamo contratto
e che continuano a pagare i nostri bambini, i nostri affamati, i nostri morti.
Non cadete più nella tentazione del lucro, del razzismo, della guerra;
noi faremo in modo di non cadere
nella tentazione dell'ozio e della sottomissione.
E liberiamoci gli uni gli altri da ogni male.
Solo così potremo recitare insieme la preghiera di famiglia
che il fratello Gesù ci ha insegnato:
Padre nostro – Madre nostra,
che sei in cielo e che sei in terra.