AI MIEI CARI

01-11-2020 - Preghiere poesie

AI MIEI CARI                                            

                                               

Non piangete!
Per il male solo si deve piangere:
per il bimbo che non ha pane
e crescerà su sentieri di violenza;
per la guerra che vomita sangue
e uccide tutti i fiori;
per l'ingiustizia, per l'egoismo,
per la libertà strozzata;
per il denaro, nuvola nera
che copre il sole e ammorba l'aria pura.
Si deve piangere nei momenti più soli,
quando agonizzano e muoiono, vicino a noi
e in noi, i sogni e gli ideali.
Ma per me no!
Perché son soltanto partita/o verso l'azzurro,
ho rotto le catene,
ho scalato la vetta da cui più                                                                                                                                                     non sarò costretta/o a scendere.
E sarò per sempre a voi vicina/o,
più vicina/o di quando uno stretto abbraccio
tutti ci univa.
 

Quando saprete guardare
al di là del cemento, delle macchine e del veleno
un cielo azzurro, una foglia, un fiore,
allora penserete che a me piacevano tanto:
e mi avrete vicina/o in quel vostro pensiero!
Quando fremerete per un'ingiustizia
(a te o agli altri fatta…  non importa)
mi sentirete vicina/o; mi  sentirete
contenta/o per quella ingiustizia.
E quando penserete a Dio, tutti saremo felici.
Allora non piangete non piangete, miei cari!