Notizie

Comunicare il Vangelo: il respiro di Carlo Maria Martini


Matteo Crimella Pontificia Università Urbaniana (Roma) - Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale (Milano)
Aggiornamenti Sociali agosto-settembre 2014 (542-553) approfondimenti


A due anni dalla morte di Carlo Maria Martini (31 agosto 2012), ne celebriamo il ricordo con un contributo che mette in luce la sua abilità di comunicare il Vangelo, una capacità conquistata attraverso anni di studi che hanno educato il cardinale a saper leggere nella realtà complessa, interrogandola e interrogandosi, imparando a dare ragione della propria fede e comunicandone la straordinaria bellezza, con uno stile affascinante e chiaro, attuale e concreto...

ITALIA IN GUERRA

 di Alex Zanotelli

100 MILIONI DI EURO AL GIORNO IN ARMI!

La guerra imperversa ormai dall'Ucraina alla Somalia, dall'Iraq al Sud Sudan, dal Califfato Islamico (ISIS),al Califfato del Nord della Nigeria (Boko Haram), dalla Siria al Centrafrica, dalla Libia al Mali, dall'Afghanistan al Sudan, fino all'interminabile conflitto Israele -Palestina...

DON TONINO BELLO, FRATELLO VESCOVO

Sono passati 20 anni (ora ventidue e qualche mese) di ventidue) dalla sua scomparsa, ma il ricordo in chi lo ha conosciuto è più vivo e attuale che mai. Perché il vescovo di Molfetta è stato un pastore attento a tutto e a tutti.

Un sabato qualunque, due del pomeriggio. Il cimitero di Alessano è pressoché deserto. È aprile ma il sole sembra quello di luglio. Una madre col figlioletto sgattaiola veloce a visitare una persona cara. Fa un rapido scarto a destra: si ferma davanti al piccolo anfiteatro circolare e alla lastra di pietra. Una breve preghiera. Un segno di croce, e va. Pochi minuti e un paio di ragazze s'accostano. Fissano a lungo la pietra, il loro sguardo si sofferma su alcune brevi frasi - alcune fra le più famose delle sue espressioni - incise su rocce poste intorno alla tomba: «Ama la gente, i poveri soprattutto. E Gesù Cristo»; «In piedi, costruttori di pace»; «Ascoltino gli ultimi e si rallegrino». Un breve momento di silenzio e ritornano...

LA TRAGICA NORMALIT DI TRE DONNE DI DIO

di Marco Politi, sul Fatto quotidiano - mercoledi 10 settembre 2014


L'Italia migliore e nascosta ha la faccia di Lucia, Olga e Bernardetta. Volti umani, non "fotogenici". Tre donne tra i settantacinque e i settantanove anni. Dunque da rottamare secondo la retorica della nuova casta. Tre italiane che hanno scelto di andare tra i dannati della terra, a vivere nella periferia di Bujumbara. Facendo mestieri che non sono glamour. Una insegnava, l'altra seguiva le ragazze perché imparassero taglio e cucito, la terza era ostetrica...

Mitraglietta rosa

 di MASSIMO GRAMELLINI "LA STAMPA 29/08/2014"

Probabilmente sono sbagliato io, ma se avessi una bambina di nove anni l'ultimo posto dove la porterei a giocare è un poligono di tiro al confine tra Arizona e Nevada. Dipenderà dal fatto che non abito in Arizona e neppure in Nevada...

Eutanasia: La scelta di Hans Kung

"Io, teologo cattolico voglio decidere da solo quando e come morire"

Eutanasia - Il nuovo libro dello studioso riapre il dibattito sulla "dolce morte". "Dal diritto alla vita non deriva affatto il dovere alla vita e l'autodeterminazione fa parte della dignità umana"...

Andrea Tarquini - (La Repubblica, 3 settembre 2014 )

Il padre deluso di Martini

"Corriere della Sera" DOMENICA 31 AGOSTO 2014 di Marco Garzonio

Il secondo anniversario della morte del cardinale Carlo Maria Martini (Gallarate, 31 agosto 2012) coincide con i 70 anni del suo ingresso nella Compagnia di Gesù, quando aveva poco più di 17 anni (era nato il 15 febbraio del 1927), all'indomani della maturità conseguita brillantemente, da privatista, al liceo D'Azeglio di Torino. A ricordare gli eventi di quell'estate del 1944, dagli archivi della famiglia emerge una lettera di Leonardo Martini. Il papà del futuro arcivescovo di Milano scrive al fratello Pippo per annunciargli «una grande ma non troppo lieta novità»: l'intenzione del figlio di votarsi alla vita religiosa...

DON LUIGI CIOTTI SU MINACCE RIINA

Le minacce di Totò Riina dal carcere sono molto significative. Non sono infatti rivolte solo a Luigi Ciotti, ma a tutte le persone che in vent'anni di Libera sisono impegnate per la giustizia e la dignità del nostro Paese. Cittadini a tempo pieno, non a intermittenza...

La montagna dell'arcivescovo, simbolo di vita

"Corriere della Sera" 31 agosto 2014
di don Damiano Modena

Nelle valli del Cadore, dopo una stagione di pioggia, il sole asciuga le vecchie ossa della catena dolomitica. Per anni ho adattato il mio passo a quello nobile, ma appesantito dalla malattia, di Carlo Maria Martini. In altri tempi, dalle pendici del Sasso Lungo il cardinale avrebbe imbracciato i suoi bastoni telescopici e si sarebbe incamminato, lungo sentieri poco conosciuti, verso la vetta. Negli ultimi anni lasciava che altri lo conducessero in luoghi da dove si potessero abbracciare dal basso orizzonti meno angusti di quelli del Parkinson. Martini sapeva che la vita ha le regole della montagna. In vetta le prospettive si sommano e la fatica diventa gioia...

Don Damiano Modena: Martini, la mia bussola vivente

Parla l'ultimo segretario dell'Arcivescovo emerito, che ha appena pubblicato un libro in cui ricorda gli anni trascorsi accanto al Cardinale, segnati dalla malattia e dal venir meno delle forze («Carlo Maria Martini. Il silenzio della Parola», edizioni San Paolo). L'intervista che segue è tratta dal numero di agosto-settembre di «Fiaccola»...

di Ylenia SPINELLI 30.08.2013

Il Papa sull'Iraq: e' l'Onu che deve decidere come fermare l'aggressore

di Andrea Tornielli lunedì, 25 agosto 2014
La situazione delle minoranze religiose costrette a lasciare l'Iraq, le violenze dell'Isis, i bombardamenti americani. La guerra di Gaza subito dopo la preghiera per la pace. Le relazioni con la Cina, i prossimi viaggi, la nuova enciclica e le vacanze «in casa» del Papa. Ecco i temi trattati da Francesco nelle risposte a quindici domande dei giornalisti...