In primo piano

7 giugno 2021 - Lidia Maggi e Angelo Reginato

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE SUL LIBRO DEI SALMI

3 giugno 2021 - ENZO BIANCHI

XI DOMENICA ANNO B  con preghiera dei bambini

[In quel tempo, Gesù] diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura». Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra». Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.
  Marco  4, 26-34

Quando san Marco compone questo racconto sono passati tre o forse quattro decenni dal mattino di Pasqua. I discepoli che hanno deciso di seguire Gesù risorto sono stanchi e messi a dura prova dalle persecuzioni. Alcuni di loro si stanno scoraggiando. Altri hanno già deciso di tornare indietro, ma per tutti le oggettive difficoltà che vivono sono fonte e premessa di sfiducia (“Ma che senso ha resistere e perseverare nella fede? Ma perché vince sempre il male? Ci eravamo illusi che bene e vita potessero essere le ultime parole, in realtà non cambia mia nulla: violenza, soprusi e ingiustizie sembrano vincere sempre.”).

San Marco conosce molto bene questi loro stati d’animo. E per consegnare loro una forte promessa di speranza presenta il Regno di Dio (annunciato e inaugurato da Gesù) con l’immagine del seminatore che con il gesto largo e generoso del “gettare” il seme su qualsiasi terreno diffonde e “consegna” la Parola di Dio senza stancarsi mai.

Il messaggio è forte e intenso: seminare la Parola di Dio è impegno continuo e faticoso, ma il crescere di quel seme non è affidato al contadino che lo lancia. La Parola di Dio cresce con una sua forte e decisa autonomia. Al di là di qualsiasi sforzo del seminatore. È vero: dopo la semina tutto tace; non si vede nessun risultato ed in quel silenzio che sembra annunciare la morte del proprio lavoro, è normale scoraggiarsi.

In realtà, dice san Marco, si tratta di un inganno ottico. Al di là delle apparenze, il seme cresce, germoglia e si prepara a donare – a chi ha la forza di perseverare nell’attesa – raccolti abbondanti (“Dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce”).

DOMANDE PER LA NOSTRA ATTUALITÀ. Ma non siamo anche noi in questo scenario? È vero: la pandemia sta rallentando e abbiamo ripreso quasi tutte le nostre precedenti libertà, ma le nostre comunità cristiane e le nostre famiglie restano scosse dai lutti, dalle fatiche, dalla perdita di lavoro di molti di noi e dalla difficoltà di arrivare a fine mese che, purtroppo, caratterizza molte nostre case. Incidenti sul lavoro, tragedie nei trasporti, violenze e disonestà continuano ad affiancare le nostre settimane e non poche volte abbiamo l’impressione che tanto nostro impegno sia inutile. Catechisti, animatori, educatori, laici impegnati nelle comunità cristiane, ma anche suore o noi preti: tanto impegno, tanta fatica, ma – di fatto – sono sempre meno coloro che si accorgono del nostro “seminare”. “Dove stiamo sbagliando?”, cominciano a domandarsi in molti. Perché non vediamo i risultati che vorremmo vedere?

Ma lo stesso lo potremmo dire anche per i non credenti o i non praticanti. Alla luce dei continui e troppi scandali che emergono giorno dopo giorno, ha ancora senso credere nell’onestà, nella giustizia, nel “pagare le tasse” o nella solidarietà generosa e gratuita per aiutare i più disperati? Se quasi tutti fanno i furbi e pensano solo al loro “profitto” – ecco la domanda insidiosa che serpeggia in noi – devo “salvarlo” io il mondo?

San Marco non ha dubbi. Il bene vince sul male. L’onestà, la giustizia e la solidarietà sono più forti di qualsiasi ingiustizia, violenza o egoismo. A noi non è chiesto di spingere il seme che cresce (“non tirare l’erba che cresce” recita un saggio proverbio). A noi il buon Dio domanda di ascoltare la Sua Parola e di “allargare le braccia” per lanciarla nel mondo (sul terreno) con la testimonianza di un vivere per gli altri. Tutto il resto lo fa Lui.

Buona domenica. E auguri cordiali di buon onomastico a chi porta il nome di sant’Antonio.

 Preghiera dei bambini

 CARO GESU'

             oggi a messa sono riuscito ad ascoltare anche la prima lettura.

Parlava di Dio che prende un ramoscello dalla cima di un cedro e che lo pianta sull’alto monte di Israele per farlo diventare un albero grandissimo e magnifico (dove tutti i passerotti trovano riposo, ombra e fresco).

Tutto è grande in questo racconto.  Tu, però, hai cambiato schema. E al posto del cedro magnifico e del grande monte, hai fatto riferimento all’orto di casa! Per dirci che Tu fai crescere il Tuo amore là dove noi viviamo.

Gesù Tu parli sempre in modo semplice e usi gli esempi e i luoghi della vita di tutti i giorni per farci capire che ci vuoi bene e che ci sei vicino.

Grazie Gesù per questo anno scolastico appena finito. E grazie perché la Tua Parola cresce dentro di noi (quando siamo svegli, ma anche quando dormiamo).

 

 CREDO DI ST. JACQUES (don Michele Do)

Credo in un solo Dio che è Padre
fonte sorgiva di ogni vita, di ogni bellezza, di ogni bontà.
Da Lui vengono e a Lui ascendono tutte le cose.
Credo in Gesù Cristo, figlio di Dio e figlio dell’uomo,
immagine visibile e trasparente dell’invisibile volto di Dio,
immagine alta e pura del volto dell’uomo
così come lo ha sognato il cuore di Dio.

Credo nello Spirito Santo,
che vive ed opera nelle profondità del nostro cuore
e di ogni creatura,
per trasformarci tutti ad immagine di Cristo.
Credo che da questa fede fluiscono
le realtà più essenziali e irrinunciabili della nostra vita:
la comunione dei santi e delle cose sante, che è la vera chiesa,
la buona novella del perdono dei peccati,
la fede nella Risurrezione, che ci dona la speranza
che nulla va perduto della nostra vita:
nessun frammento di bontà e di bellezza,
nessun sacrificio per quanto nascosto ed ignorato,
nessuna lacrima e nessuna amicizia. Amen!

AL SEGNO DELLA PACE

Donaci o Signore non la pace facile dei giorni sereni e felici, 
di quando le cose vanno bene, ma quell'altra difficile,
costosa e stigmatizzata pace, di chi in ogni ora della sua vita,
davanti all'impossibile ed all'incomprensibile, 
trova in sè il coraggio e la forza di posare il capo sulle ginocchia di Dio.

PENSA AGLI ALTRI
Mentre prepari la tua colazione, pensa agli altri,
non dimenticare il cibo delle colombe.
 Mentre combatti le tue guerre, pensa agli altri, 
non dimenticare coloro che reclamano la pace.
 Mentre paghi la bolletta dell’acqua, pensa agli altri, 
coloro che sorseggiano le nuvole.
 Mentre torni a casa, casa tua, pensa agli altri, 
non dimenticare il popolo delle tende.
 Mentre conti le stelle per addormentarti, pensa agli altri
che hanno perso il diritto di parlare.
Mentre pensi agli altri lontani, pensa a te stesso, dì:
magari fossi una candela nelle tenebre!

(Mahmud Darwish, la voce più nota della letteratura palestinese, da Qualevita 158)

Ultime notizie

IL PRIMATO DEL VANGELO di Enzo Bianchi

IL PRIMATO DEL VANGELO di Enzo Bianchi

La Repubblica  7 giugno 2021

Cosa sta succedendo nella chiesa cattolica? Questa domanda mi viene posta con insistenza da cristiani che incontro o che mi scrivono, ma anche da chi resta osservatore attento alle vicende della chiesa come presenza significativa nella società...

Leggi

LETTERA DEL PAPA AL CARD. REINHARD MARX

LETTERA DI PAPA FRANCESCO AL CARD. REINHARD MARX

ARCIVESCOVO DI MONACO-FRISINGA

Santa Marta, 10 giugno 2021

Caro fratello,

prima di tutto grazie per il tuo coraggio. È un coraggio cristiano che non teme la croce, non teme di umiliarsi davanti alla tremenda realtà del peccato. Così ha fatto il Signore (Fil 2, 5-8). È una grazia che il Signore ti ha fatto e vedo che tu la vuoi accettare e custodire perché dia frutto. Grazie...

Leggi

Bianchi ha lasciato Bose: trasloco sofferto

Il caso. Bianchi ha lasciato Bose: trasloco sofferto


Riccardo Maccioni martedì 8 giugno 2021

L'annuncio dato dallo stesso fondatore ed ex priore con un tweet. La sua nuova residenza a Torino. Nel maggio 2020 la decisione vaticana di allontanarlo da Bose...

Leggi

LA PARITA’ È SCRITTA NEL VANGELO

LA PARITA’ È SCRITTA NEL VANGELO di Federica Tourn

PATRICIA FRESEN, ex suora domenicana, è diventata prete a sessantadue anni, in un torrido giorno di agosto del 2003. A consacrarla a Barcellona sono state due vescove, durante una cerimonia commovente e, ovviamente, clandestina...

Leggi

Enzo Bianchi vivrà a Torino

VIVRA’ A TORINO – Bose, l’ex priore Bianchi trasloca “Addio sofferto”

Alla fine l’addio si è consumato. Enzo Bianchi, ex  priore di Bose, ha lasciato la comunità monastica del Biellese da lui fondata, in ossequio al provvedimento con cui oltre un anno fa la Santa Sede gli aveva intimato l’allontana - mento...

Leggi

NSC sulle dimissioni del card. Marx

Le dimissioni del Card. Marx sono una saggia decisione. Rappresentano un esempio per i vescovi italiani, omissivi e silenti per quanto riguarda la pedofilia del clero nel nostro paese...

Leggi

Tre parole sulla lettera del cardinale Marx

Ieri pomeriggio mentre ero in auto per andare a tenere una lezione sull’abuso nella chiesa e sulla tutela dei minori e delle persone vulnerabili agli alunni di un corso sulle relazioni di aiuto, mi arriva un messaggio di un amico con la lettera di dimissioni di Reinhard Marx. Un gesto forte, drammatico, dall’alto valore simbolico e, al di là di ogni dietrologia motivazionale, sintomatico di un malessere che non può essere più gestito con palliativi ma che necessita piuttosto una cura profonda capace di incidere sull’integrità del corpo ecclesiale...

don Gennaro Pagano Prete, psicologo e psicoterapeuta

Leggi

Lettera di dimissioni del cardinale Marx

Lettera di dimissioni del cardinale Marx a papa Francesco

di Reinhard Marx

in www.erzbistum-muenchen.de del 4 giugno 2021 (traduzione rivista da: www.finesettimana.org)

riservata e personale Santo Padre,

indubbiamente la Chiesa in Germania sta attraversando dei momenti di crisi. Certamente vi sono molti motivi – anche oltre la Germania, in tutto il mondo – che qui non ritengo di dover elencare dettagliatamente. Ma la crisi è causata anche dal nostro personale fallimento, dalla nostra colpa...

Leggi

Il cardinale Marx e la lettera a papa Francesco

Dichiarazione personale del cardinale Marx relativa alla lettera a papa Francesco

di Reinhard Marx

in www.erzbistum-muenchen.de del 4 giugno 2021 (traduzione rivista da: www.finesettimana.org)

Reinhard Card. Marx, Arcivescovo di Monaco e Frisinga Dichiarazione personale relativa alla lettera del 21/05 2021

In data 21/05/2021 ho pregato il Santo Padre di accettare le mie dimissioni da arcivescovo di Monaco e Frisinga e ho lasciato alla sua discrezione la decisione su un mio futuro impiego...

Leggi