In primo piano

DON ANTONIO RUCCIA - C'è posto per tutti -16 maggio 2023

MESE DI MAGGIO: tradizionalmente dedicato alla Madonna. 
Ieri è iniziato il mese di maggio. Da questa sera  alle ore 20 ci si trova in chiesa parrocchiale per la preghiera mariana. Occasione per sentirsi in comunione con quanti fanno più fatica, con chi è malato o avanti negli anni, con le tante popolazioni schiacciate dalle guerre o altre forme di sfruttamento, dalle ingiustizie, fame e miseria. Maria, con le nostre mamme, prega con noi e ci indica come attraversare le prove della vita o ringraziare per i doni che spesso non sappiamo apprezzare o condividere.
Nei giorni in cui si celebra la messa non ci sarà la preghiera mariana ( giovedì, sabato e domenica a Quaregna San Martino. Venerdì e domenica a San Defendente ).
Ringraziano e rallegriamoci per la pioggia finalmente arrivata senza recare danni.
donmario

 

Santa Messa - 30 anni dalla morte del venerabile Tonino Bello

 

Mons. Bettazzi - 17 aprile 2023

Enzo Bianchi Ricominciare - Monastero di Cellole - 2 aprile 2023

 

"Francesco – La Chiesa che vorrei" - Speciale 10 anni Pontificato di Papa Francesco

 

 

 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con gli auguri da parte di una Chiesa a più voci e dei tanti amici.  donmario

 

 


 

In quale dio si crede?

 

Oggi il problema non è l'ateismo. Il vero problema è: in quale Dio si crede. Io non credo in Dio; credo solo nel Dio di Gesù Cristo, nel Dio degli umili, degli oppressi, nel Dio per l'uomo, fratello di tutti gli uomini, che anzi si offre perché tutti vivano, ecc.

Gesù Cristo è ucciso in nome di Dio; del Dio sbagliato, naturalmente.

Anche S. Paolo dice: "Io per dar gloria a Dio, volevo metter a morte tutti i cristiani" (Gal 1,13-14).

Ma poi diventa cieco.

L'uomo sbagliato

Un altro pericolo, uguale al primo (falso concetto di Dio), è il falso concetto di uomo. Bisognerebbe che ciascuno di noi pensasse di rispondere a questa domanda: cosa pensi di te stesso? Come di concepisci?

L'uomo sbagliato è una conseguenza del Dio sbagliato. Si ha l'uomo sbagliato quando questi si crede un assoluto, si crede l'unica fonte del bene e del male; si crede autonomo, padrone di fare quello che vuole. Da qui nasce l'arbitrarietà, il sopruso, la sopraffazione, la strumentalizzazione dei valori, la devastazione, fino all'autodistruzione.

David Maria Turoldo, La guerra sconfitta di Dio, Ed.Colibrì

 


L’iniziativa “Una Chiesa a più voci”, lanciata nel 2007 nel corso dei lavori di ristrutturazione della chiesa parrocchiale, ha finora realizzato centinaia di serate e diverse domeniche con la presenza di relatori qualificati, con toccanti testimonianze di vita e temi anche scottanti, suscitando solitamente grande interesse e qualche prevedibile dissenso. Incontri stimolanti, arricchenti e apprezzati da quanti, liberamente e responsabilmente, hanno partecipato e ci chiedono di continuare ad offrire nuove opportunità di ascolto per approfondire, conoscere, confrontarsi sui diversi argomenti, problematiche e proposte che interpellano credenti e non credenti, in uno spirito di rispetto per le singole sensibilità e cammini di crescita umana e spirituale, in un contesto di Chiesa e di società sempre in continua evoluzione.

Ostinati e convinti sostenitori del Concilio vaticano II e delle sue grandi aperture e innovazioni pastorali, leggeremo e ci confronteremo attentamente,  consapevoli che siamo chiamati al servizio del vangelo e non viceversa. Qualcosa che è possibile e necessario fare anche quando non ci fossero spazi istituzionali e parrocchiali disponibili.

Nel sito www.unachiesaapiuvoci.it troverete prossimamente le date delle serate in calendario per il nuovo anno 2022. E aggiornamenti con articoli e riflessioni sull’attualità.

 

ASCENSIONE DEL SIGNORE  Anno A con preghiera dei piccoli

 Dal vangelo secondo Matteo,  28, 16 – 20

 Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. 17Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. 18Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. 19Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, 20insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

 

Lo sappiamo e non dobbiamo dimenticarlo: i Vangeli non sono libri di storia e chi scrive non è un cronista incaricato di raccontare dettagli precisi della vicenda di Gesù, ma un teologo che vuole consegnare al suo lettore quella verità teologica che ci rende - personalmente e come comunità - migliori e più autentici. Per capirci: la Galilea dista 150 Km. da Gerusalemme, dal luogo dove hanno deposto Gesù morto. L’invito dell’angelo alle donne che di buon mattino si recano a visitare la tomba di Gesù di recarsi in Galilea (“…ecco vi precede in Galilea”) non è, pertanto, una annotazione geografica. È piuttosto il grande annuncio del Vangelo: Gesù risorto si rende visibile là dove ognuno di noi vive, lavora, lotta, sogna e spera. La Galilea - regione di frontiera che permette a Israele di “toccare” terre diverse e definite dal credo religioso come terre “pagane” - è stata per Gesù il luogo dove si è consumata la quasi totalità della sua vicenda umana; il contesto in cui è cresciuto nel più totale anonimato all’interno di quella famiglia che oggi chiamiamo “santa”, ma in tutto uguale alle altre: alle prese con il lavoro, con la precarietà dei poveri e con le fatiche di vivere in un Paese occupato da forze straniere. L’evangelista non ha dubbi: la Galilea in cui Gesù risorto ci precede è il richiamo alla nostra quotidianità, quella dalla quale vorremmo scappare e dove - di fatto - consumiamo la nostra voglia di assoluto e di infinito.

È un sogno ricorrente che tenta spesso: illudersi che il giorno in cui riusciremo a scappare dal dove siamo (stanchi, delusi incompresi, alle prese con fatiche, divisioni, litigi e forse anche invidie…), si possa - finalmente - trovare quella pace e quella serenità di cui abbiamo profonda nostalgia. Se questo pensiero attecchisce in noi, si sappia - ci dice san Matteo - che il primo a proteggerci da quelle fantasie sbagliate e pericolose è Gesù risorto.  Scappare dalla vita non è mai sano. Così come non è saggio illudersi che solo in un altrove astratto e ideale possano esistere le condizioni per stare bene.

Gesù risorto ci vuole bene in “questa” vita; all’interno delle coordinate storiche e geografiche in cui siamo immersi; con questi parenti, figli, amici e relazioni che hanno costruito la nostra vita. Gesù risorto ci chiede di restare là dove siamo: nella nostra Galilea. Ma ci invita anche a cercare - tra le case in cui viviamo, lavoriamo e condividiamo la nostra vita - “il monte” che cambia il senso del nostro essere e del nostro correre insieme.

Affascinante il particolare. Gesù aveva detto: “andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno” (Mt. 28,10). Loro - i discepoli - “andarono sul monte che Gesù aveva indicato loro” (Mt.28,16). Intuiscono che la Galilea non è solo una regione geografica, ma è soprattutto il luogo ordinario e feriale in cui ognuno di noi vive. Ma capiscono anche che se non si mettono in pratica le beatitudini che Gesù ha proclamato dal monte in Galilea, la quotidianità non decolla e non incontra la libertà sperata.

Per incontrare Gesù risorto e per stare bene, ci dice san Matteo, dobbiamo andare sul monte delle beatitudini. Dobbiamo cioè - oltre il linguaggio simbolico - entrare in quella logica liberante dell’occuparsi di chi, vicino a noi, è oppresso, piange e soffre l’ingiustizia perché il Dio di Gesù è con loro, in mezzo a loro e accanto a chi soffre e a chi si prende cura del debole. Prospettiva rovesciata. Non scappare da dove siamo, ma abitare la nostra storia individuando - però - il monte che ci aiuta a stare con il Vangelo e con il messaggio di Gesù. Ed ecco il doppio movimento che ci presenta l’evangelista: il Dio di Gesù ci precede, ci trova e ci raggiunge, ma ci chiede anche di “andare”, di muoverci e di non smettere mai di cercare. Ci propone - in pratica - quella bella fatica del credere e del fidarsi del Signore Gesù oltre i riti, le semplici appartenenze o le pratiche tradizionali. Un cammino certamente liberante per ciascuno di noi, ma indispensabile e profetico anche per i nostri giovani. I quali non capiscono più i codici della tradizione (e non si ritrovano perciò nei nostri riti, nelle nostre pratiche di fede, etc.) e vorrebbero provare ad affrontare la fatica dell’andare in Galilea per dare un senso alla loro vita carica di ansie e di furti di futuro, ma rischiano di trovarsi sbarrato il cammino di chi li aspetta a messa. Giovani che cercano adulti disposti ad accompagnarli in quel cammino che li aiuta a raggiungere il monte in Galilea e non cittadini delusi dalla politica e cristiani confusi e spenti.

Ultimo ma non meno importante. “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” è una espressione che può dire solo Gesù. Solo Gesù può dire “Io sono” e usare così il nome di Dio (“Io sono”). Solo Gesù può usare questa formula. Nessun altro. Il che significa che chi vende la tesi che “Dio è con noi” è perché vuole legittimare la sua voglia di dominare e sta cercando un lasciapassare per usare la violenza. Se non è Gesù a dire “Io sono con voi” è forte il rischio che si stia preparando qualche guerra. E la storia di ieri e di oggi conferma la forte attualità e chiarezza del Vangelo.

Buona domenica.

Preghiera dei piccoli

Caro Gesù,

                 non lo avevo mai notato: all’inizio del Vangelo di Matteo c’è scritto che a Te “sarà dato il nome Emmanuele che significa Dio con noi” (Mt. 1,23).   E alla fine ci sono le stesse parole: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.

Gesù è bello sapere che Tu sei sempre con noi: quando le cose vanno bene, ma anche quando vanno male.

Tu, Gesù, non sei lontano da dove noi viviamo, dalle nostre città e dalle nostre case. E sei soprattutto “con-noi” per farci sentire il tuo amore e il tuo perdono.

Grazie Gesù perché il Tuo Vangelo mi aiuta a non dire sempre “io” e a scoprire la bellezza del “noi” anche se a volte è difficile stare insieme.

Sono solo sei parole: “Io sono con voi tutti i giorni”. Ma cambiano tutto.

Grazie Gesù.

Ultime notizie

Perché Milani ancora ci parla

Anniversari
Perché Milani ancora ci parla
DI ROSY BINDI

Il 27 maggio 1923 nasceva Lorenzo Milani. Non don Lorenzo Milani, non il maestro formatore di cittadine e cittadini sovrane, non il prete capace di anticipare il Concilio Vaticano II. Nasceva il secondogenito di una delle famiglie più benestanti della Firenze degli anni Trenta, un rampollo privilegiato che guardava il mondo dall’alto al basso. Mentre la maggior parte dei suoi coetanei, figli di mezzadri e di operai, lavora già in campagna e in fabbrica lui va in montagna a Cortina D’Ampezzo, al mare nella tenuta di Castiglioncello, impara il tedesco, l’inglese e il francese, scrive poesie, decide di non fare l’università, come voleva la prestigiosa tradizione familiare, per studiare pittura a Brera tra il 1941 e il 1943...

Leggi

IL PAESE STA AFFONDANDO E NOI FINANZIAMO UNA GUERRA

21 MAGGIO 2023

DIBATTITO CULTURALE

«IL PAESE STA AFFONDANDO E NOI FINANZIAMO UNA GUERRA»

GIOVANNI RICCHIUTI, intervistato da LUCA KOCCI

Il messaggio di papa Francesco ai leader del G7 riuniti a Hiroshima era chiaro: le armi «rappresentano un moltiplicatore di rischio che dà solo un’illusione di pace». La risposta arrivata dai sette grandi altrettanto chiara: nuovi aiuti militari a Kiev, fra cui i caccia F-16. Cosa che ha fatto dichiarare al presidente ucraino Zelensky su Twitter: «Sicurezza e cooperazione rafforzata per la nostra vittoria. La pace diventa più vicina oggi». E, sul fronte russo, al vice ministro degli Esteri, Grushko: «Rischi colossali» per i Paesi occidentali se forniranno a Kiev gli F-16...

Leggi

IN SEGUITO ALLA VISITA DI ZELENSKY A ROMA

Articolo di Domenico Gallo

Non c’è bisogno di intercettazioni per comprendere quanto sia pericoloso il delirio di onnipotenza di Zelensky, che vuole portare alle estreme conseguenze la guerra con la Russia, rifiutando ogni negoziato.

 

Lettera di Raniero La Valle 

in Newsletter Chiesa di tutti chiesa dei poveri n.297 del 17 maggio 2023

 

Leggi

INCONTRO CON CLEMENTINE TALATOU PACMOGDA

DI.M.MI – DIARI MULTIMEDIALI MIGRANTI - INCONTRO CON CLEMENTINE TALATOU PACMOGDA

Proponiamo la pagina dedicata dal “Il Biellese” all’incontro della scrittrice del Burkina Faso con gli studenti al seguente LINK

NOmafiebiella - Domenico Cipolat...

Leggi

Parole Proibite: Schiaffo al Papa

Michele Santoro presenta.

L’incontro di Zelensky con papa Francesco si è risolto in un nulla di fatto. Il presidente ucraino ha ribadito, il giorno dopo l’incontro in Vaticano, che l’Ucraina non ha bisogno di “mediare con l’aggressore” e ha rinnovato il bisogno del suo paese di ricevere aiuti e sostegno militare. Il Papa durante l’Angelus di ieri ha ribadito l’opposto: “che tacciano le armi”, un messaggio indirettamente rivolto al presidente ucraino. Ma come è stata accolta la freddezza di Zelensky in Vaticano? E che peso politico ha la diplomazia vaticana in un contesto internazionale sempre più teso?

Leggi

LE CHIESE E LA GUERRA RUSSO - UCRAINA

Riccardo Larini

“La guerra sta causando indicibili disgrazie. Il corpo di Cristo, la chiesa, soffre e piange. L’umanità nel suo bisogno grida: Signore, fino a quando? Solo la storia potrà svelare il groviglio di cause sottostanti e attive che si sono accumulate nel corso del tempo e che hanno portato alla rottura della pace. Dio solo vede e giudica gli intenti e i pensieri del cuore. Noi, servitori della chiesa, rivolgiamo a tutti coloro che hanno potere o influenza in materia un accorato appello a mantenere seriamente davanti ai loro occhi la pace, affinché presto cessi lo spargimento di sangue.”...

Leggi

Parole Proibite: Sostituzione Etnica

L'Ordine dei giornalisti ha convocato Mario Natangelo, il vignettista del Fatto quotidiano, per valutare se ha “violato i codici di condotta della professione". Il possibile provvedimento disciplinare, si riferisce al disegno pubblicato un paio di settimane fa sul quotidiano diretto da Marco Travaglio dopo che il ministro Lollobrigida ha parlato di sostituzione etnica. In Parole Proibite, il professore Piergiorgio Odifreddi spiega qual è la teoria del complotto richiamata dal ministro, secondo la quale c'è un piano per incentivare l'immigrazione africana che richiama concetti come la razza e il sangue.

Leggi

Principio-bontà: un progetto di vita

Leonardo Boff

In termini di etica, non si dovrebbero giudicare i singoli atti presi in sé. Loro rimandano a un progetto di fondo. Sono realizzazioni di questo progetto fondamentale...

Leggi

Staffetta per l'Umanità, la testimonianza del marciatore più anziano

Staffetta per l'Umanità, la testimonianza del marciatore più anziano

A 99 anni monsignor Luigi Bettazzi interviene per la pace e indica tre necessità: la cultura della nonviolenza, la perseveranza della diplomazia e la creazione di una forza di interposizione

7 maggio 2023

Redazione PeaceLink...

Leggi