CDB

Cari Vescovi...

Cari Vescovi,

siamo genitori di due ragazzi, Marco ed Emanuele, il primo eterosessuale, il secondo gay. Stiamo seguendo con interesse e coinvolgimento i disegni di legge attualmente in discussione alla Commissione Giustizia della Camera, nella speranza che una legge che contrasti i crimini d’odio contro le persone LGBT sia presto approvata dal nostro parlamento...

Il vero obiettivo di Ratzinger è opporsi al Sinodo tedesco

Il vero obiettivo di Ratzinger è opporsi al Sinodo tedesco

Luigi Sandri

Confronti, febbraio 2020

Si scrive “Amazzonia”, ma si legge “Germania”. Questa ci sembra la chiave – altri ne hanno altre, e avranno le loro ragioni – per situare senso e prospettive del caos ecclesiale provocato da un libro, centrato soprattutto sulla difesa del celibato sacerdotale, firmato Benedetto XVI e cardinale Robert Sarah, e poi “disconosciuto” dal pontefice emerito e invece confermato, riguardo all’apporto di questi, dal porporato guineano.

DISOBBEDIENTI PER PRATICARE LA GIUSTIZIA

Documento conclusivo del 38° Incontro nazionale delle CdB italiane

 

Noi, donne e uomini delle Comunità cristiane di Base italiane, riunite a Vico Equense (Na) per il nostro 38° incontro nazionale su “Vangelo e Costituzione. Credenti disobbedienti nelle Chiese e nella società”, ci siamo lasciati/e interpellare con gioia e riconoscenza dalle riflessioni di Maria Soave Buscemi, Tonino Perna, Paola Cavallari, Antonietta Potente e Marco Deriu...

Raniero La Valle - due riflessioni

Il cardinale Ruini (ex presidente della CEI e vescovo vicario di Roma negli anni 1991-2008) suggerisce di dialogare con Salvini, che viene pensato come futuro: come futuro suo ma anche nostro (“ha notevoli prospettive davanti a sé”).
Ciò vuol dire passare nei confronti di lui dalla resistenza al viatico, e togliere il tappo che fortunosamente il sistema politico italiano ha messo per impedire o almeno ritardare l’irruzione delle acque dei pieni poteri, traboccanti da urne precocemente convocate...

APPELLO CRITICO SUL CONGRESSO PRO-FAMILY DI VERONA

 Quanti, donne e uomini, si sentono rappresentati dalle idee del Congresso Mondiale delle Famiglie, che si terrà tra pochi giorni a Verona, e che già sono state sostanzialmente anticipate dai suoi organizzatori, hanno tutto il diritto di plaudire a questa manifestazione; purché considerino attentamente che le loro opinioni non rappresentano il mondo intero, né tutte le società, né tutte le religioni e Chiese: essi rappresentano solamente uno spicchio di quelle realtà. E non sono portatori della “Verità”, ma solo della loro “verità”, parziale e discutibile...

CDB - AGGIORNAMENTO DEL 30 GENNAIO

Gli anni del ’68. Voci e carte dall’archivio dei movimenti di P.Coscione

“Gli anni del ’68. Voci e carte dall’archivio dei movimenti” è il titolo della mostra che si è inaugurata venerdi 27 gennaio alle ore 17.30 nelle stanze della stupenda Loggia degli Abati del Palazzo Ducale di Genova. Organizzata dall’Associazione per un archivio dei movimenti e dalla Fondazione Palazzo Ducale, con il patrocinio del Comune e la collaborazione della Biblioteca Berio, della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Liguria , ha visto la presenza di tantissime persone anziane, adulte e giovani con la partecipazione e la presentazione tra gli altri di Enrico Deaglio...

CDB - AGGIORNAMENTO DEL 12 DICEMBRE

CONSIDERAZIONI DELLA COMUNITÀ DELL’ISOLOTTO SUL PRIMO PIANO DEL 28 NOVEMBRE “IL CORAGGIO DELLE DONNE“

Comunità dell’Isolotto
(Firenze, domenica 11 dicembre 2016)

Abbiamo letto sul sito delle CdB la recensione del libro di Mira Furlani, Le donne e il prete. L’Isolotto raccontato da lei, scritta da Beppe Pavan, dal titolo “Il coraggio delle donne“.

Aggiornamento Cdbitalia del 30 giugno 2016

Nel suo ultimo primo piano, Carla Galetto esprimeva un interrogativo, a mio parere rilevante: "Nell'esperienza che da molti anni faccio con altre donne delle Cdb mi sembra stia avvenendo un ricco percorso parallelo con temi, idee e pratiche che non trovano ancora spazio nei luoghi misti. E mi chiedo quali possano essere le strade e le modalità per costruire insieme, uomini e donne, un cammino condiviso, in cui le differenze non siano causa di separazioni o di esclusioni, ma occasione di confronto e avvio di nuove pratiche".

Condivido con Carla e le altre donne delle cdb questo percorso e gli interrogativi che esso pone, tuttavia ho l'impressione che i temi, le idee e le pratiche venute al mondo con la libertà femminile si muovano, anche in direzioni impreviste. Abbiamo prestato attenzione alle nostre simili desiderando di vederle e vederci più libere e questo ha prodotto effetti ad ampio raggio...

Aggiornamento Cdbitalia del 4 giugno 2016

36° Incontro nazionale CdB
Due riflessioni di E.Fasciano e G.Feltrini
Contributo per l' incontro nazionale delle Comunità cristiane di base di ConferenzaRegionaleVolontariatoGiustizia
Il Vino nuovo dell'Altro che rompe gli otri vecchi del nostro Essere di ComunitàOperaSemplice
La Casa Comune Mag a Verona per l'economia sociale e la finanza etica di G.Albanese e G.Pravato
La chiesa di base al tempo di Francesco di E.Cortese...

Aggiornamento Cdbitalia del 9 maggio 2016

Francesco apre ai preti sposati e chiude l'inferno di Antonio Guagliumi
L'esortazione pontificia "Amoris laetitia" di cui tanto si è parlato durante il XXXVI incontro nazionale delle CdB contiene, come è stato detto, molte luci e alcune ombre profonde.
Ernesto Bonaiuti 70 anni dopo di Giancarla Codrignani
Una Bibbia per l'umanità di Beppe Pavan
Vino nuovo in otri nuovi di Peppino Coscione
Omelie di Vittorio Bellavite
Con l'onda dei ricordi all'orlo del mistero di Nino Lisi

Raniero La Valle

Raniero La Valle - Corrado Augias
Non si può dubitare che Aldo Moro fosse laico. Ma nel suo discorso alla Costituente del 13 marzo 1947, convenendo con l'on. Togliatti che la Costituzione non dovesse essere ideologica, aggiungeva che costruire un nuovo Stato non voleva dire solo architettarne l'organizzazione, ma "prendere posizione intorno ad alcuni punti fondamentali inerenti alla concezione dell'uomo e del mondo"; per questo non si poteva fare una Costituzione "afascista", come voleva l'on. Lucifero, ma, mettendo insieme i primi tre articoli, occorreva fare la Costituzione di uno Stato che, posto a fondamento il lavoro, "avesse come fine supremo la dignità, la libertà, l'autonomia della persona umana"...