Notizie

Banglanews 715 - 3 febbraio 2016

Missione
»» Hermanita Irene sull'Altipiano
Chiesa
»» É necessario evitare la «elefantiasi» della Curia romana di Iacopo Scaramuzzi
»» Visita alla Sinagoga di Roma, Skorka: "Ecco il passo del Papa" di Andrea Tornielli
»» Card. Montenegro apre la Porta Santa a Lampedusa...

FAMILY DAY

LA CRONACA DELLA GIORNATA
Il leader Gandolfini avverte i politici: "Un giorno delle vostre azioni dovrete rendere conto. Qui ci sono elettori di tutti i partiti: guardate chi ci aiuta e chi ci oscura". Il ministro lo incontra al Viminale. In piazza più Ncd che Fi. Meloni: "Ho scoperto di essere incinta, legge contro i bambini". Il Pd: "Ascoltiamo, ma non torniamo indietro"
di F. Q. | 30 gennaio 2016

L'APPELLO DI 193 CAPI SCOUT

«Sì alla Cirinnà, diritti per tutti»
La lettera aperta, indirizzata ai vertici Agesci, chiede apertura sui temi dell'omosessualità: «Interroghiamoci su cosa sia una famiglia, incontriamo i genitori arcobaleno, confrontiamoci con le associazioni dei cattolici omosessuali»
di Elena Tebano - CORRIERE DELLA SERA 31 gennaio 2016

Family Day, i neocatecumenali di Arguello in prima fila

Pietro Di Michele Porpora

Mentre in Parlamento si discute (e ci si divide) sul ddl Cirinnà, ecco chi si sta organizzando una nuova manifestazione di piazza contro le unioni gay e la stepchild adoption
Se non ci fossero stati loro, il Family Day del 20 giugno 2015 sarebbe stato un flop colossale. Se Francisco (detto Kiko) Argüello nel maggio scorso non avesse schioccato le dita e al suo ordine non si fossero mobilitate centinaia di migliaia di persone, allora in piazza San Giovanni a Roma a manifestare contro le unioni gay sotto la pioggia, e con tanto di carrozzine al seguito sarebbero, stati in ben pochi. "Loro" sono gli appartenenti al Cammino Neocatecumenale, il movimento ecclesiale più prolifico in termini di adesioni (e vocazioni) tra quelli sorti in seno alla Chiesa cattolica sull'onda del Concilio Vaticano II, ma che ha creato più di un grattacapo ai piani alti di Oltretevere e in tante diocesi sparse per i continenti...

Unioni civili, l'assenza dei laici

di EZIO MAURO La Repubblica, 28 gennaio 2016


Un tweet di incoraggiamento, come si fa con gli ultimi della classe, martedì il segretario generale del Consiglio d'Europa ha sollecitato l'Italia a compiere l'ultimo metro in Parlamento, garantendo il riconoscimento di legge a coppie dello stesso sesso "come stabilito dalla sentenza della Corte Europea dei diritti umani e come accade nella maggioranza degli Stati membri". Siamo dunque osservati speciali, fuorilegge e fuori anche dall'Europa dei diritti, che vede ben 13 Paesi garantire la possibilità di contrarre matrimonio tra coniugi omosessuali, così come lo garantiscono Argentina, Uruguay, Brasile, Stati Uniti, Sudafrica. È questa la partita che si doveva aprire oggi al Senato e che invece è stata rinviata a dopo il Family day, sfrondata di ogni sovraccarico ideologico. La presa d'atto di una realtà di fatto che esiste da anni nella nostra società...

Papa Francesco sulla famiglia

Papa Francesco sulla famiglia non ha fatto nessun passo indietro
Bergoglio ha chiesto di non confondere unioni civili e matrimonio, ma nello stesso giorno ha parlato di amore misericordioso per quanti vivono situazioni diverse dalle nozze, per scelta o per circostanze della vita. Sullo scontro di piazza, tra organizzatori del Family Day e associazioni laiche, non interviene. E all'episcopato italiano già da tempo ha ricordato che non deve occuparsi di politica
di EUGENIO SCALFARI La Repubblica 24 gennaio 2016

 

 

 


 

Unioni di Fatto, unioni civili...

Tanti cattolici sono d'accordo con il ddl Cirinnà. Il Family Day di sabato prossimo è in contraddizione con la Chiesa in uscita di cui parla papa Francesco


Nel documento allegato Noi Siamo Chiesa espone i suoi punti di vista sulle questioni al centro dello scontro che inizia domani al Senato. Nel turbinio mediatico di questi giorni appare, in modo del tutto fuorviante, che tutti i cattolici, dentro o fuori il Parlamento, siano contro, o del tutto o in parte, alla proposta di legge in discussione. Non è così. Anche se ha poca immagine, una vasta area di opinione concorda con essa, particolarmente quella che si ispira, con particolare convinzione, al messaggio e allo spirito del Concilio Ecumenico Vaticano II.

La normativa sulle coppie di fatto si propone di regolamentare (in ritardo) una realtà sociale ormai presente in tutto il paese e in ogni stato sociale.

Le unioni civili, come regolamentate nella prima parte del ddl, sono differenti dal matrimonio e la step child adoption vuole regolarizzare correttamente, nell'interesse dei minori che vi siano coinvolti, rapporti affettivi consolidati (qualora naturalmente essi siano ben accertati secondo le norme e le prassi della legge sulle adozioni in vigore).

Ci sembra poi che si debba intervenire in seguito, in vari modi con le riforme necessarie, perché il desiderio di maternità e di paternità intercetti il bisogno di tanti minori che nel nostro paese sono abbandonati o trascurati.

La manifestazione di sabato 30 è espressione dell'ala fondamentalista del mondo cattolico, poco preoccupata della laicità delle istituzioni e incapace di capire molti aspetti degli affetti, delle sofferenze e dei bisogni presenti in tante situazioni che, per la loro genuinità ed onestà, devono essere accolte nella società e, a maggior ragione, nella Chiesa.

Roma, 27 gennaio 2016 NOI SIAMO CHIESA

I CONFINI DELLA MISERICORDIA

 di Vito Mancuso, da Repubblica 23 gennaio 2016

Contrariamente a molte altre volte, il Papa non ha sorpreso nessuno con il discorso di ieri al Tribunale della Rota Romana, un testo del tutto secondo copione, il medesimo che non solo Benedetto XVI e Giovanni Paolo II ma anche tutti gli altri 263 Papi avrebbero potuto tenere. Francesco ha detto che «non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione», perché la famiglia tradizionale (cioè quella «fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo») appartiene «al sogno di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell'umanità». Vi è quindi un modello canonico di famiglia, rispetto al quale tutte le altre forme di unione affettiva e permanente sono livelli più o meno intensi di quanto il Papa ha definito «uno stato oggettivo di errore». È per questo che solo la famiglia della dottrina ecclesiastica merita il nome di famiglia, mentre a tutte le altre spetta il termine meno intenso di «unione» ...

Rassegna stampa

Gesù, lo sfasciafamiglie
di Alberto Maggi | 27.10.2015

Chiesa, omosessuali e coppie di fatto: il Sinodo secondo frate Alberto Maggi
di Alberto Maggi | 12.10.2015

 

 

 

 

In ascolto delle diversità: le persone omosessuali
sintesi delle relazioni di Domenico Pezzini e Giannino Piana
Verbania Pallanza, 16 febbraio 2002
per un modello relazionale. riflessioni antropologico-etiche
(Giannino Piana)

una pastorale per e con le persone omosessuali
(Domenico Pezzini)

dibattito (due risposte) adozione e coppie omosessuali

Il Papa e il richiamo sulle unioni civili

  Parole nette ma caute: Francesco non vuole un muro contro muro
Costringere l'idea della famiglia in schemi troppo integralisti contraddirebbe i suoi stessi insegnamenti
di Massimo Franco - Corriere della Sera, 23 gennaio 2016
Non è strano che il Papa abbia invitato a non fare confusione tra «la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione». Semmai, è singolare la sorpresa con la quale sono state accolte le parole dette ieri da Francesco durante l'incontro con il Tribunale della Sacra Rota. A una settimana dalla manifestazione del Family Day, il suo intervento è stato considerato a favore degli organizzatori. Eppure non poteva essere che così. In Vaticano la legge che sta prendendo corpo in Parlamento e sarà discussa in Senato a partire dal 28 gennaio è vista come una forzatura. Una misura contro la quale non alzare barricate né lanciare anatemi, perché i vertici dell'episcopato hanno accettato mentalmente le unioni civili tra omosessuali...

 

Il senso della memoria

 di ENZO BIANCHI
La Stampa, 27 gennaio 2016

"Ricordati di non scordare", cantava Battisti a inizi anni settanta. E la pubblicità del film "Memento" gli faceva eco trent'anni dopo: "Ricordati di non dimenticare!". Frasi paradossali, ma che ben rendono l'idea del significato e dell'importanza della "Giornata della memoria". L'uno dopo l'altro scompaiono i testimoni-vittime della tragedia della shoah: figli, parenti, amici raccolgono le ultime briciole di racconto di un vissuto impossibile da narrare e da essere accolto come credibile; libri, monumenti, pellicole cercano di fissare una verità che vorremmo tutti rimuovere. E intanto, a furia di rimuovere e di schedare, perdiamo la nostra facoltà di memoria: "Archiviare significa dimenticare", ammonisce Enzensberger...

Un Lutero per l'Islam?

 di Gabriele Arosio (Riforma 15 gennaio)

All'indomani della strage di Parigi l'imam francese Tareq Obrou, rettore della grande moschea di Bordeaux, autore di vari saggi sull'islam europeo, da anni impegnato nel dialogo interreligioso, ha dichiarato: «Esistono forme di discorso religioso conservatore che surrettiziamente offrono materia al radicalismo e all'integralismo. Occorrerebbe una riforma radicale della teologia e del diritto canonico musulmani, che sono stati forgiati nel Medioevo in una logica imperiale e califfale di dominio. Il mondo è cambiato, la globalizzazione ha creato tante situazioni in cui occorre imparare a diventare una minoranza e accantonare le ideologie di dominio» (Avvenire, 21-11-2015)...