Notizie

Le chiese continuano a ripetere un Credo che non ha più significato.

"Che cosa dobbiamo pensare dei discorsi escatologici che vengono messi in bocca a lui, i discorsi sul tempo che si è fatto breve? Che cosa dobbiamo pensare di questo?

 I casi sono due: o Gesù in questo si è sbagliato o i redattori del Vangelo la pensano  come la pensava Paolo, almeno nella prima parte della sua missione. Io credo molto di più al Gesù delle nozze di Cana che al Gesù dei discorsi escatologici. Potrà  anche averli fatti, era nello stile dell'epoca. Questa opposizione tra un cristianesimo escatologico e un ebraismo terrestre, che sarebbero le due sponde, su una sola delle quali sta Gesù, tuttavia non mi convince. E qui vorrei fare l'ultimo passo, anche se più che passi sembrano inciampi.

E vorrei dire: queste cristologie  che sono state costruite dal II al VI secolo e poi ancora successivamente elaborate, non devono essere non soltanto aggiornate, ma pure sostituite? Oggi ci sono tanti autori che scrivono opere di cristologia originali e nuove. Le chiese continuano a ripetere un credo di cui Neusner dice che per Gesù¹ andavano bene le prime quattro righe e le ultime due, ma non quelle di mezzo. E quando un cristiano lo dice non sa quello che dice. Pensate solo alla parola sostanza: quanti significati ha oggi la parola sostanza, si va dalla chimica alla fisica, alla cucina, alla patologia a tante altre cose. I nostri antichi ci hanno lasciato una serie di espressioni, di formule (di cui credo fossero molto soddisfatti, convinti di aver chiarito tutto per sempre) che non si possono più cambiare perché sono una delle  tante cose comuni a tutte le chiese, ma che non vogliono dire più niente.

                               Paolo De Benedetti, Quale Gesù?, Morcelliana 2014 pag. 40 

LETTERA A SILVIA ROMANO - Maryan Ismail

Ho scelto il silenzio per 24 ore prima di scrivere questo post.
Quando si parla del jihadismo islamista somalo mi si riaprono ferite profonde che da sempre cerco di rendere una cicatrice positiva. L’aver perso mio fratello in un attentato e sapere quanto è stata crudele e disumana la sua agonia durata ore in mano agli Al Shabab mi rende ancora furiosa, ma allo stesso tempo calma e decisa...

Padre Maggi: Chiese aperte?

Padre Maggi: “Chiese aperte? I nostri vescovi vadano a vedere le tante persone intubate negli ospedali’’ di Lucia Gentili

ilrestodelcarlino.it/ - 29 aprile 2020

Il teologo e biblista, direttore del centro studi biblici di Montefano (https://www.studibiblici.it/): “Mi fido più di un primario di rianimazione che conosce la grave situazione’’

Regolarizzare a tempo i migranti...

"Regolarizzare a tempo i migranti è come trattarli da schiavi". La rabbia di San Ferdinando

Il sindaco Andrea Tripodi e la segretaria generale Cgil Celeste Logiacco all'Huffpost: "È inutile che a Roma rivestano a questi provvedimenti i panni della nobiltà. È come dire loro, servite per il raccolto ma poi, togliete il disturbo"

•    By Sacha Malgeri - Huffpost Italy

UDIENZA GENERALE - 6 maggio 2020

UDIENZA GENERALE

Biblioteca del Palazzo Apostolico  Mercoledì, 6 maggio 2020

[Multimedia]

 

Catechesi: 1. Il mistero della preghiera

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Oggi iniziamo un nuovo ciclo di catechesi sul tema della preghiera. La preghiera è il respiro della fede, è la sua espressione più propria. Come un grido che esce dal cuore di chi crede e si affida a Dio...

Fase 2. Messe aperte ai fedeli dal 18 maggio.

Fase 2. Messe aperte ai fedeli dal 18 maggio. Guanti e mascherine per l'eucaristia

  AVVENIRE  - Mimmo Muolo giovedì 7 maggio 2020

 

Accessi contingentati, per distribuire la comunione il celebrante dovrà igienizzare le mani e indossare i guanti e la mascherina, avendo cura di non venire a contatto con le mani dei fedeli...

ANNO SETTIMO DEL PONTIFICATO LA SFIDA DELLE DONNE

Marinella Perroni

Il confronto con le istanze delle donne è una sfida a cui la Chiesa, come tutte le altre istituzioni, non si può più sottrarre, ma si tratta di una sfida quanto mai tentacolare, che chiede coraggio profetico, ma anche lucidità teologica. Chiama infatti in causa sia l’impianto dottrinale che la prassi pastorale della chiesa cattolico-romana...

UN APPELLO CELEBRARE IN SICUREZZA

Ospitiamo volentieri la Lettera appello “Celebrare in sicurezza” che un gruppo di “cittadine e cittadini di confessione cristiano-cattolica” ha ritenuto di scrivere al
Presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Bassetti e al Presidente del Consiglio, avvocato Conte, su una delle questioni della “Fase 2” della pandemia Covid-19, la celebrazione delle messe con la partecipazione del popolo.
Il testo è aperto alla sottoscrizione secondo le indicazioni che si possono trovare in calce alla pagina...

COVID-19 / “FASE2” A PROPOSITO DELLA POSIZIONE DELLA CEI

In questi giorni l’attenzione e la preoccupazione di tutti sono rivolte all’avvio della cosiddetta “Fase 2”, alla quale stanno guardando, con toni e sensibilità diverse, anche i rappresentanti delle varie comunità religiose.

I vescovi italiani sono intervenuti, la sera stessa delle comunicazioni del Presidente del Consiglio, con la dichiarazione “DPCM, la posizione della CEI” (26.4.2020)...