Notizie

Quella folla in piazza San Giovanni di Laura Fano

http://comune-info.net

Vivo a due passi da Piazza San Giovanni, a Roma: in questi ultimi anni mi è capitato di vedere ogni tipo di manifestazione. Oggi (sabato 20 giugno) purtroppo mi è capitato di assistere al tristissimo Family Day. Tante, troppe persone che non sapevano neanche per cosa stavano dimostrando. Un maxischermo gli ricordava che "le famiglie devono difendere i propri figli" e che bisogna dire "stop al gender", cioè, per chi sa un po' d'inglese e ha una cultura di base, "stop al genere", un'espressione totalmente priva di senso (qui ne parla anche Maria G. Di Rienzo, Gender. Ecco il nuovo mostro ndr).
Mi occupo di studi di genere e vorrei dire a questa gente terrorizzata da una fantomatica "ideologia del gender" che questi studi affermano semplicemente che il genere è una costruzione sociale, non biologica. Ossia che non vi è nessuna legge naturale secondo la quale le donne devono rimanere in casa a pulire o prendersi cura dei figli, e che il fatto che gli uomini lavorino e mantengano la famiglia non è dovuto a un fattore biologico, bensì è una costruzione funzionale all'oppressione della donna da parte di un sistema patriarcale. Punto...

Scuola: non esiste una teoria gender

di Silvana Ronco www.riforma.it
Sostenere che nella scuola pubblica italiana i nostri figli debbano essere difesi dall'insegnamento della «teoria del gender» è un'operazione molto pericolosa che rischia di andare al di là dei reali obiettivi che si propone, essenzialmente contrastare l'introduzione nelle scuole di progetti di educazione alla sessualità e affettività e gettare fango sulle unioni civili e le adozioni per le coppie omoaffettive, arrivando a fomentare le discriminazioni di genere, l'omofobia e la transfobia.
Chiariamo innanzitutto che non esiste una teoria del gender (o del genere) poiché molte sono le ricerche svolte sui diversi modelli educativi applicati ai maschi e alle femmine nell'ambito degli stereotipi di genere...

Un nuovo modo di camminare insieme

PAPA FRANCESCO ACCOLTO NELLA CHIESA VALDESE - La Stampa, 23 giugno 2015 di ENZO BIANCHI
A poche centinaia di metri dal tempio valdese che ieri ha accolto il "caro fratello Francesco" una lapide deposta una quindicina d'anni fa dalla città di Torino ricorda il pastore valdese Goffredo Varaglia, bruciato sul rogo per eresia il 29 marzo 1558. Bisognerebbe percorrerlo in preghiera silenziosa quel tratto di strada che separa corso Vittorio da piazza Castello: forse così si capirebbe meglio la portata del gesto avvenuto ieri tra le mura della chiesa valdese, quando il moderatore Eugenio Bernardini ha accolto a nome di tutti i suoi fratelli e sorelle valdesi e metodisti il "caro fratello Francesco"...

Don Mario celebra i 40 anni di sacerdozio

Le comunità di San Defendente a Ronco di Cossato e di San Martino di Quaregna sono in festa per il quarantesimo anniversario di ordinazione sacerdotale del parroco don Mario Marchiori. La ricorrenza verrà celebrata con un'eucarestia comunitaria domenica alle ore 10 nella chiesa di San Defendente, dove il 29 giugno 1975 ha officiato la prima messa...

Anna Arietti - La Provincia di Biella

PAPA FRANCESCO E I SEPARATI

All'indomani della presentazione del documento preparatorio del Sinodo, Francesco parla delle ferite nelle famiglie: "Ci sono casi in cui la separazione è moralmente necessaria". E aggiunge: "Non tutti hanno poi la vocazione alla solitudine". Monito sui figli: "Quando papà e mamma si fanno del male, l'anima dei bambini soffre molto"...
di ANDREA GUALTIERI

Lo straniero interiore che preme alle frontiere

La Repubblica 23 giugno 2015 Massimo Recalcati

LA DIFESA del confine o il suo allargamento ha armato da sempre la mano degli uomini. L'origine della violenza trova nel confine l'oggetto della sua passione più fondamentale: la distruzione del nemico-rivale muove Caino nel suo sogno narcisistico di essere l'unico, di far coincidere il proprio confine con il confine del mondo. È il delirio di tutti i grandi dittatori. Innumerevoli volte, nel corso della storia, il confine è diventato una questione di vita e di morte. Eppure l'esistenza del confine è necessaria alla vita. Alla vita di una città o di una nazione, ma anche alla vita individuale. Abbiamo bisogno di confini per esistere. È un problema di identità. Si può esistere senza avere un senso di identità? Senza radici e senza sentimento di appartenenza?...

 

L'ENCICLICA LAUDATO S UNA NUOVA SPERANZA PER IL PIANETA

INTERVISTA A LEONARDO BOFF di Leonardo Mele

L'Enciclica di Papa Francesco dedicata all' ecologia , ovvero alla "madre terra", non ha deluso le aspettative. Sta facendo discutere l'opinione pubblica mondiale. Per andare alle "radici" dell'Enciclica abbiamo intervistato il teologo brasiliano Leonardo Boff, uno dei padri della teologi della liberazione. Boff è tra gli ispiratori dell'Enciclica...

Il Papa in una citt simile al suo stile

La Stampa, 21 giugno 2015 di ENZO BIANCHI
Arriva a Torino e torna alle sue radici. Torna in quella città da cui il nonno Giovanni, astigiano di Portacomaro, con la moglie Rosa e il figlio Mario ventenne, entrambi militanti dell'Azione cattolica, partono nel 1929 per l'Argentina, lasciandosi alle spalle un'Italia già ammaliata dal fascismo. Ma quale Torino e quale Piemonte ritrova il figlio di monferrini Bergoglio? E, in particolare, quale comunità ecclesiale lo accoglie come padre e pastore della chiesa cattolica? Torino e la sua chiesa sono forse il luogo geografico e spirituale che meno sentono come "venuto dalla fine del mondo" questo papa argentino: ne conoscono infatti le radici, il dialetto, la cultura legata alla terra e all'operosità, l'attenzione agli ultimi, la sobria schiettezza...

Vaticano, aperture per divorziati risposati.

Vaticano, aperture per divorziati risposati. E al Sinodo si discuterà di coppie gay 

di Carlo Marroni 23 giugno 2015 Il Sole 24 Ore
Sono i capitoli più spinosi del prossimo Sinodo ordinario sulla famiglia, che si terrà a ottobre. Certamente i più attesi dai media e dalla politica: le coppie gay e i divorziati risposati. Per le prime al momento (e secondo la disciplina in vigore) è non contemplata ogni forma di equiparazione con il matrimonio accettato dall a Chiesa, senza escludere forme di accoglienza (e sarà quello il terreno di scontro), mentre per i divorziati si conferma l'ipotesi di una riammissione ai sacramenti dopo un percorso individuale...

LA SINDONE NON HA MISTERI

di Sergio Luzzatto - in "Il Sole 24 Ore" del 10 maggio 2015
Almeno da un secolo a questa parte, gli storici hanno imparato che studiare il falso è quasi altrettanto rilevante che studiare il vero. Almeno da quando il medievista francese Marc Bloch trasse dalla sua esperienza della Grande Guerra combattuta sul fronte occidentale una lezione definitiva intorno al valore delle «false notizie», e del loro intreccio con le mentalità collettive: con le aspettative e con gli interessi, con i pregiudizi e con i miti che trasformano una percezione fallace in una leggenda "vera"...

L'ideologia gender: bufala del XXI secolo

Massimo Battaglio
Da: facebook


Domani, 20 giugno 2015, a Roma, è previsto un raduno di tutti i gruppi cattolici "tradizionalisti" in difesa della "famiglia tradizionale"

Sentinelle in piedi, CL, Opus Dei, Movimento per la Vita, Alleanza Cattolica, con Famiglia Cristiana, Adinolfi, il Nuovo Centrodestra e confraternite varie, finora divisi in mille rivoli dalle rivalità per i posti di potere presso le varie diocesi italiane, adesso improvvisamente uniti nella "difesa della famiglia tradizionale" e contro "l'ideologia del gender" che le minaccerebbe...